Brasile, Jair Bolsonaro accoltellato durante una manifestazione: il momento dell'aggressione

Share

A un mese dal voto, la violenza ha fatto irruzione nella campagna elettorale in Brasile: Jair Bolsonaro, il candidato di estrema destra in testa ai sondaggi per le presidenziali del 7 ottobre, è stato accoltellato mentre partecipava ad una manifestazione elettorale a Juiz de Fora, nello stato di Minas Gerais. Olivera sarebbe stato iscritto al Partito Socialismo e Libertà - una piccola formazione di estrema sinistra, dal 2007 al 2014, ma si era successivamente allontanato.

I medici hanno rinvenuto lesioni minori ad una vena addominale e all'intestino tenue, che sono state controllate e ricucite, e una lesione più grande all'intestino crasso, per la quale è stato sottoposto ad una seconda operazione, una ileostomia con relativo ano artificiale. Bolsonaro, in netto vantaggio nei sondaggi, ha riportato solo lievi ferite ed è stato portato in salvo. Il figlio su Twitter rassicura sulle condizioni del padre, che è stato ferito gravemente al fegato ma non si teme per la sua vita.

Rocca di Papa, 50 migranti trasferiti dalla Diciotti irreperibili dopo essersi allontanati
Nel dettaglio, secondo quanto si è appreso, sei si sono allontanati il primo giorno di trasferimento, cioè venerdì 31 agosto. Sono andati via decine di migranti sbarcati dalla nave Diciotti , come riferiscono fonti ufficiali del Viminale .

L'avvocato di Bispo de Olivera, Pedro Olivera do Santos, ha detto ai giornalisti che il suo cliente aveva agito per "motivazioni personali, politiche e religiose", a causa delle prese di posizione di Bolsonaro "riguardo alle donne, la religione e le razze". Nel suo profilo di Facebook, l'aggressore aveva pubblicato messaggi contro Bolsonaro, testimonianze sulla sua partecipazione in manifestazioni di protesta contro il governo di Michel Temer e a favore della scarcerazione di Luiz Inacio Lula da Silva, così come immagini della bandiera brasiliana con la falce e il martello. Emerge un ritratto confuso, secondo i media brasiliani.

Ma Fernando Haddad, il candidato vicepresidente del Partito dei Lavoratori (Pt) di Lula, che molto probabilmente prenderà il suo posto, si è unito al coro di condanna dell'attentato, definendolo "inaccettabile" e augurando a Bolsonaro che guarisca al più presto dalle ferite subite. Quanto accaduto, ha affermato Temer, "rivela che dobbiamo prendere coscienza dell'intolleranza che esiste nella società brasiliana".

Share