Coree, al via il terzo vertice tra Kim e Moon sulla denuclearizzazione

Share

Corea del Nord ha accettato "la strada per la denuclearizzazione", ha reso noto il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, al termine di due giorni di incontri a Pyongyang da cui è emersa la volontà dei due leader di "ripristinare la vita normale" nella Penisola, collegando le ferrovie, consentendo la riunione delle famiglie separate dalla guerra e cooperando nel settore della sanità.

Il leader delle due Coree hanno firmato a Pyongyang un primo accordo per ridurre le tensioni. Le due Coree hanno concordato "per la prima volta su passi specifici per la denuclearizzazione" che includono la chiusura "permanente" del sito di processamento dell'uranio di Yongbyon.

Il presidente americano Donald Trump ha affermato che il leader nordcoreano Kim Jong-un ha accettato la visita di ispettori e la chiusura "permanente" dei siti nucleari e di test missilistici.

LeBron James come Michael Jordan: sarà il protagonista di Space Jam 2
L'attesissimo sequel di Space Jam , il più famoso film sul basket, sta finalmente per arrivare. LeBron James è l'erede di Michael Jordan .

All'arrivo di Moon, sul tappeto rosso erano già schierati i funzionari di vertice anche militari nordcoreani, a cominciare da Kim Yong-nam, il capo dello Stato de facto, per il tradizionale benvenuto riservato agli ospiti illustri. Seul e Pyongyang si candideranno insieme per le Olimpiadi del 2032.

Kim però non ha mai parlato chiaramente di denuclearizzazione. Quel che ormai è certo è che ovunque verrà individuato uno spiraglio la Corea del Sud interverrà per trasformarlo in una nuova area di collaborazione.

Quello che forse dall'esterno non si vede è che sulla Penisola coreana non si stano confrontando tre attori guidati da interessi e strategie diverse, quanto leader che non riescono a dialogare utilizzando la stessa lingua. Senza impegno di Kim, Trump non è disposto ad aprire il dialogo e quindi ne risentirebbe anche la pace tra le Coree, molto voluta da Moon per questioni di consenso interno dovute al calo dell'economia. E' un aspetto che coinvolge i rapporti con gli Stati Uniti.

Share