Diretta Inter-Parma dalle 15.00: probabili formazioni e dove vederla in tv

Share

Vediamo subito quali sono i dubbi e le certezze che albergano nella mente dei due allenatori alla vigilia della partita di San Siro, analizzando in maniera più dettagliata le probabili formazioni di Inter Parma. In classifica l'Inter ha quattro punti dopo una sconfitta, un pareggio e una vittoria. Alcune scelte di Spalletti verranno inevitabilmente condizionate da questo, mentre sul lato Parma D'Aversa deve fare i conti con una lunga lista di indisponibili, accorciatasi di poco durante la sosta. Nessun problema invece per Spalletti che ritrova Icardi dopo la sosta per le nazionali, anche se va ancora stabilito se Maurito sarà titolare oppure sostituito da Keita. Gagliardini e Brozovic agiranno in mezzo al campo, con il tridente composto da Politano, Nainggolan e Perisic alle spalle dell'unica punta. In difesa possibile chance per Miranda, rimasto ad allenarsi a Milano, e dunque turno di riposo per uno tra De Vrij e Skriniar. Ovviamente titolare Perisic, sulla sua corsia dovrebbe sovrapporsi Dalbert, con Asamoah risparmiato per la Champions, dove il brasiliano non può essere schierato al pari di Gagliardini. A disposizione: Padelli, Berni, Vrsaljko, Skriniar, Ranocchia, Asamoah, Vecino, Joao Mario, Borja Valero, Icardi, Candreva. Situazione diversa in casa Parma, con i gialloblù che in tre partite sono riusciti a collezionare solamente un punto.

F1, GP Singapore 2018, Vettel: "Qualifiche pasticciate"
Quali sono, dunque, le speranze per domani? In effetti non sarà facile rifarsi del risultato odierno, ma sarà fondamentale per continuare ad alimentare le speranze mondiali del tedesco.

Ancora alle prese con tanti infortuni, D'Aversa insiste con la formazione tipo che ha fatto bene anche contro la Juventus: davanti a Sepe agiscono Bruno Alves e Gagliolo con Iacoponi che si allarga a sinistra e Gobbi che proverà a spingere dall'altra parte, in mediana il metronomo è Stulac senza discussioni mentre Luca Rigoni parte ancora favorito su Alberto Grassi, che non è al top della condizione.

Share