"Emergenza medica" sul volo da Dubai a New York: passeggeri in quarantena

Share

Un aereo della compagnia Emirates è stato isolato dopo l'atterraggio all'aeroporto internazionale JFK di New York.

Come riferito dall'aeroporto in un comunicato, il volo Emirates 203 è atterrato nella Grande Mela alle 9:12 (le 15:12 in Svizzera) e ad attenderlo in un'area lontana dal terminal c'erano la polizia aeroportuale e gli operatori dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie. Finora le autorità non hanno fornito alcuna spiegazione.

Emirates Airlines ha precisato che circa 10 passeggeri a bordo del volo EK203 da Dubai a New York si sono sentiti male.

Vohburg, Germania: scoppio in una raffineria
I residenti sono stati evacuati a scopo precauzionale a causa del denso fumo che si è sprigionato. Le autorità riferiscono che la causa dell'esplosione non è nota.

Oggi, 5 settembre 2018, un aereo con a bordo oltre 500 persone partito da Dubai è arrivato all'aeroporto JFK di New York ed è stato subito messo in quarantena. C'erano 521 persone sull'aereo. Ma la situazione sembra più grave del previsto: decine di passeggeri sono stati segnalati come malati, con vari sintomi tra cui tosse e vomito, ciò ha portato il pilota a notificare le autorità quanto stava accadendo, ha detto un funzionario delle forze dell'ordine che non era autorizzato a parlare e ha rifiutato di essere nominato. "Tutti gli altri" passeggeri saranno sbarcati a breve.

Una delle persone a bordo, Larry Cohen, ha twittato fotografie di decine di poliziotti e ambulanze, e ha scritto: "L'unica cosa che ci hanno detto è che ci sono dei passeggeri ammalati e che dobbiamo restare a bordo". Emirates sostiene che "la sicurezza e la cura dei passeggeri è una priorità".

Share