Erdogan a Berlino, città blindata

Share

A Potsdamer Platz dieci mila manifestanti tedeschi hanno gridato 'Erdogan non sei il benvenuto' e Amnesty International e Reporter senza frontiere hanno chiesto di affrontare apertamente il tema della violazione dei diritti umani in Turchia.

L'arrivo del capo dello Stato turco, che resterà in Germania sino a sabato, è coinciso con la decisione dell'Uefa sul Paese che ospiterà il campionato europeo di calcio Euro-2024: la Germania è stata preferita alla Turchia nonostante le recenti accuse di razzismo nei confronti dei dirigenti della Federazione tedesca di Calcio (DFB), già in imbarazzo per il clamoroso abbandono della nazionale di calcio da parte di Mesut Özil, di origine turca. "Ho deciso di non partecipare", ha spiegato. Il caso Dündar, giornalista che vive in esilio a Berlino dal 2016, rischia di surriscaldare il clima della visita. Secondo la Bild Erdogan ha anche dato alla Merkel una lista di 69 persone accusate di terrorismo che si troverebbero in Germania di cui chiede la consegna.

Roma-Lazio 0-0 La Diretta Florenzi gioca alto a destra
Simone Inzaghi ripropone Luis Alberto al fianco di Immobile , così come Milinkovic-Savic a centrocampo e Marusic sulla destra. In difesa infatti Wallace è insidiato da Luiz Felipe , mentre Radu sembra recuperato e parte favorito su Caceres.

La lista, in cui compaiono anche accademici e giornalisti, comprenderebbe gli indirizzi e fotografie delle persone indicate. Il capo dello Stato turco ha replicato, affermando che in Germania "sono presenti centinaia, migliaia di terroristi". L'uomo indossava una t-shirt con la scritta "Gazetecilere Özgürlük", che significa "libertà per i giornalisti in Turchia". Il giornalista Ertgrul Yigit, che era regolarmente accreditato, ha reagito dicendo: "Non ho fatto nulla". Merkel ha annunciato un incontro a 4 sulla situazione critica in Siria, in ottobre, con i presidenti di Turchia, Russia e Francia rimarcardo la notorietà della controversia su Can Dundar.

"E' stata una visita positiva" che ha rafforzato l'amicizia tra i due paesi: lo ha detto il presidente turco Recep Tayyp Erdogan nel discorso inaugurale alla moschea Ditib di Colonia, in Germania. Domani il presidente turco partirà per Colonia dove presenzierà all'inaugurazione della nuova grande moschea.

Share