Fabrizio Corona, dopo la rissa arrivano le scuse social

Share

L'ex re dei paparazzi ringrazia tutti per la serata speciale di ieri ma, soprattutto, ringrazia una persona speciale che c'è sempre, che lo guida e che lo consiglia, nonostante tutto e tutti. Poche ore fa Fabrizio si è reso nuovamente bersaglio dei media: in occasione di una cena presso un noto ristorante milanese, Corona ha dato via ad una vera e propria rissa con un imprenditore, il quale pare avesse rivolto degli insulti nel confronti del figlio Carlos e dell'ex moglie Nina Moric [VIDEO]. Io non sono questo e dico: 'Sti caz*i'. Secondo quanto riporta 'Dagospia', la lite sarebbe scoppiata per delle offese rivolte da un imprenditore al figlio di Corona Carlos e all'ex moglie Nina Moric. La rissa creatasi tra i due uomini è stata così accesa da necessitare l'intervento delle autorità per fermare e placare gli animi dei due litiganti. Afferma sicuro: "Mi dispiace, non succederà più". Nella clip l'ex fotografo dei vip, ricordando il periodo passato in carcere, dice: "E' difficile da spiegare quello che si prova durante quasi 6 anni totali di detenzione". Poi fai una cavolata perché non riesci a controllare quei demoni che hai dentro. Corona chiede al figlio: "Perchè non sei a scuola oggi?", prima che il ragazzo possa rispondere ci pensa la modella a tappargli la bocca pregando di non dire niente. Sul suo profilo social il 44enne fa il 'mea culpa' e sottolinea pure in rosso le parole dell'articolo sul fattaccio uscito su La Repubblica in cui si fa presente che per "la questura non sarebbe coinvolto direttamente della rissa".

Lo stesso Corona, con un video pubblicato su Instagram intitolato "Mea Culpa", ha poi chiesto scusa: "Mi dispiace, non succederà più".

E-GAP: l'operatore mobile di ricarica veicoli elettrici
Ai 150 punti a uso pubblico attualmente esistenti sul territorio si aggiungeranno a breve altre 1.500 colonnine di ricarica . La ricarica si potrà prenotare tramite app o web e l'assistenza è garantita entro 90 minuti.

Fabrizio Corona lo sa bene.

Share