Febbre Nilo: terza vittima nel Ravennate, paziente 83enne

Share

"Non bisogna creare allarmi inutili, i casi di infezione da Febbre del Nilo nella Città metropolitana di Milano sono assolutamente in linea con il numero di casi segnalati negli ultimi anni quindi non bisogna preoccuparsi inutilmente": Curzio Trezzani, consigliere regionale lombardo della Lega, è così intervenuto sulla questione del West Nile virus e della sua diffusione. Una donna di 58 anni che aveva contratto il virus West Nile è morta oggi nel rodigino. ATS Insubria, che ha tra i suoi compiti istituzionali prioritari l'attività di prevenzione, ha attivato prontamente, nel territorio interessato, i protocolli previsti a seguito di segnalazione di caso umano probabile al fine di garantire la massima tempestività per la tutela della salute dei cittadini, in condivisione con la rete di sorveglianza coinvolta, che comprende i Dipartimenti di Igiene e Prevenzione Sanitaria - per la sorveglianza umana e per gli aspetti di igiene ambientale - e il Dipartimento Veterinario - per la sorveglianza entomologica e sugli animali -, oltre al Dipartimento delle Cure Primarie per quanto di competenza dei Medici di Assistenza Primaria e Pediatri.

Il virus West Nile infetta più facilmente uccelli ed equidi, tra questi soprattutto i cavalli.

Sul sito del Comune di Carugo è stato pubblicato un avviso per informare la cittadinanza delle misure di prevenzione messe in atto da Ats Insubria contro eventuali focolai di malattie trasmesse dalle zanzare.

Bilancio Ue, Oettinger all'Italia: "Penalità se non versate i contributi"
Ho fatto una proposta principale: creare un meccanismo di coordinamento per la scelta del porto di sbarco. E' il risultato della due giorni di consiglio informale dei ministri della Difesa europei a Vienna.

In programma anche l'informazione degli abitanti sulle misure da adottare per prevenire il contatto con le zanzare che potrebbero veicolare il virus.

Sauro Luchi, direttore del reparto, ha spiegato che le condizioni dell'anziano sono comunque in leggero miglioramento, anche se le condizioni di salute dell'uomo sono costantemente monitorate.

Il Virus della WND da' luogo ad un'infezione asintomatica nell'80% dei casi, mentre nel rimanente 20% si presenta con sintomi analoghi ad una forma influenzale: febbre, mal di testa, dolori agli arti e ai muscoli, inappetenza e più raramente sintomi gastrointestinali (nausea, vomito e diarrea).

Share