Fisco: in autunno in arrivo migliaia di lettere ai contribuenti

Share

L'estate può dirsi ormai conclusa e con essa il tradizionale periodo di moratoria concesso, ogni anno, dall'amministrazione finanziaria ai contribuenti italiani. Le prime comunicazioni in arrivo dovrebbero riguardare spesometro e dati fatture relativi alle dichiarazioni Iva. Successivamente dovrebbero essere inviate anche le comunicazioni relative alle dichiarazioni dei redditi, probabilmente a novembre 2018. Seguono le entrate derivanti da altri tipi di gioco che crescono del +21,5% e si fermano a 175 mln rispetto ai 144 mln del corrispondente periodo del 2017. A novembre scatteranno invece gli alert per i contribuenti che non hanno presentato nessuna dichiarazione dei redditi con riferimento all'anno di imposta 2017. A riceverle sono i contribuenti per le mancate comunicazioni Iva 2016 e 2017.

Al fine di facilitare gli adempimenti dei contribuenti e l'interazione con l'Agenzia, è stata potenziata l'attività di assistenza presso gli uffici territoriali e quella telefonica tramite i Centri di assistenza multicanale, nonché il servizio online "Cassetto fiscale", in cui il contribuente trova tutti i chiarimenti relativi alla lettera ricevuta, nonché la dichiarazione integrativa precompilata o un prospetto "precompilato" di ausilio alla compilazione della dichiarazione integrativa, per perfezionare il ravvedimento operoso nel caso in cui ritenga fondata la segnalazione dell'Agenzia; in caso contrario, il contribuente potrà fornire le informazioni necessarie a giustificare, totalmente o anche solo parzialmente, l'anomalia riscontrata. Nel 2018 saranno inviate 1,2 mln di lettere di compliance in leggero calo rispetto al 2017 quando ne furono spedite 1,5 mln. A questo punto però, considerando ciò che prevede l'articolo 21-bis del DL 78/2010 - ovvero che le scadenze delle Lipe siano le stesse dello spesometro - allora anche la scadenza delle Lipe è da considerarsi al prossimo 1° ottobre.

La ex Iena Giarrusso controllerà i concorsi universitari
Giarrusso prima di far parte de Le Iene ha insegnato all'università di Catania ed è laureato in Scienze della Comunicazione. Dopo la delusione elettorale Giarrusso era entrato nello staff di Roberta Lombardi , capogruppo del M5S in Regione Lazio.

Da qualche anno, l'Agenzia delle entrate ha messo in atto nuove forme di dialogo e di collaborazione con i contribuenti con l'obiettivo di promuovere l'adempimento spontaneo degli obblighi tributari.

Share