Frosinone-Sampdoria, le formazioni ufficiali: Ciano e Defrel dal 1'

Share

Il Frosinone di Moreno Longo gira pagina per cercare di preparare nel migliore dei modi la prossima gara contro la Juventus. Hanno un'identità ben precisa. Sul 3-0 siamo un po' usciti dal campo, non è facile per una squadra come la nostra trovare le forze per riprendere la partita. Se la Sampdoria vuole centrare l'Europa, non deve fare passi falsi. Esagerato già parlare di allarme? "La squadra è brava tecnicamente e corre in campo per 90 minuti, quello che serve per vincere". Al minimo sbaglio la paghi. "Poi nella ripresa i loro gol ci hanno tagliato le gambe e non siamo riusciti a reagire".

Una squadra per certi versi arrendevole e ciò non è giustificato. Perfetto il tridente della squadra di Giampaolo in questa sfida. Beh la riflessione è più che legittima. "Ora su le maniche e lavorare tanto". Fabio Quagliarella è l'anima dei blucerchiati, con un bel tocco di piatto mette in rete. La Curva Nord regala un bellissimo striscione a due idoli degli ultimi anni, Massimo Zappino e Alessandro Frara che hanno appeso gli scarpini al muro e adesso dirigenti della società. È ancora fuori Praet per infortunio. Il secondo tempo è tutta di marca doriana. Tutto lo stadio lo acclama e applaude il suo ingresso. All'82' fallo da rigore di Halfredsson su Kownacki: il polacco va sul dischetto e non sbaglia.

Frosinone completamente in balia della Samp che al 53' si porta sullo 0-3. All'85' sempre il polacco sigla la doppietta della serata che vale il 0-5. "È una vittoria che vogliamo dedicare al nostro direttore Walter Sabatini per un pronto ritorno alla Sampdoria".

FROSINONE: Sportiello 6; Brighenti 4.5, Salamon 5, Krajnc 4.5; Zampano 5, Chibsah 5.5, Maiello 5 (62′ Halfredsson 5), Soddimo 5, Molinaro 6; Ciano 5 (68′ Campbell), Perica 4.5 (75′ Ciofani 5).

Meteo Weekend: dopo due giorni di pioggia nel fine settimana torna l'estate
Le temperature resteranno relativamente alte: 30° C di massima a Roma, 25° C a Torino, 28° C a Milano. Nella sera nuvoloso su quasi tutti i settori, con qualche piovasco sulle Prealpi bresciane.

A disposizione: Bardi, Ghiglione, Goldaniga, Cassata, Ariaudo, Capuano, Beghetto, Crisetig, Pinamonti.

A disposizione: Barbosa, Belec, Sala, Jankto, Leverbe, Tavares, Ferrari, Tonelli, Ronaldo. L'arbitro designato per dirigere il match è il signor Massimiliano Irrati della sezione di Pistoia.

Assistenti: Cecconi di Empoli e Pagliardini di Arezzo. Quarto uomo: Antonio Di Martino di Teramo.

La situazione si sblocca dopo solo due minuti di gioco, quando Caprari sfrutta al meglio un assist di Quagliarella: volè e con il destro batte Sportiello.

Share