Juncker annuncia la polizia Ue, 10mila uomini ai confini

Share

La creazione di una Guardia europea delle coste e dei confini che miri a rafforzare Frontex, trasformando l'agenzia Ue in un vero e proprio corpo di polizia di frontiera con un compito decisivo sui rimpatri sarà annunciata dal presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo stato dell'Unione mercoledì prossimo alla Plenaria dell'Europarlamento a Strasburgo.

La Commissione europea mercoledì potrebbe approvare una proposta legislativa per istituire una polizia di frontiera europea e far diventare il controllo dell'immigrazione illegale una materia di competenza comunitaria. Discorso che si configura come un piano programmatico per l'ultimo anno della sua Commissione.

Salvini indagato in diretta Facebook: "15 anni di galera. Non mi fermeranno"
Sinceramente, non credo che Salvini abbia nostalgia di quando la Lega governava con Berlusconi. "Sono preoccupato? No. A fronte dell'accoglienza che è stata loro garantita hanno risposto sparendo, non si sono fatti identificare.

Una polizia di frontiera europea di circa 10mila uomini con capacità di sorveglianza sul territorio europeo e poteri di partecipazione ad operazioni di rimpatrio dei migranti. Ma la Commissione, spiega il quotidiano spagnolo, ritiene che l'ultima crisi migratoria, scatenata dal rifiuto dell'Italia di consentire lo sbarco di persone salvate in mare, abbia dimostrato che la gestione nazionale dei flussi migratori è diventata obsoleta e deve essere trasferita a una gestione centralizzata. Ora, in vista del vertice dei Capi di Stato e di governo a Salisburgo, e a qualche mese dalle elezioni europee di maggio 2019, Bruxelles vuole cercare di dimostrare ai cittadini europei che il continente non resta fermo in balia dei flussi migratori incontrollati. Nel progetto che verrà illustrato da Juncker è prevista una vera e propria blindatura dei confini europei, sia in termini fisici che virtuali, Internet e social network, per quanto riguarda le possibili interferenze esterne sui processi elettorali.

Oggi, sembra che Juncker intenda far pressing. Tra queste, proprio la trasformazione dell'Agenzia delle guardie di frontiera e guardacoste, Frontex, in una vera e propria polizia europea. Per Bruxelles è anche un modo, velato, per schierarsi dalla parte del presidente francese Emmanuel Macron, che affronterà le elezioni puntando su un rilancio della sovranità europea.

Share