La Roma saluta Giorgio Rossi. Totti e Conti: 'È stato un padre'

Share

"Ci ha lasciato un grande personaggio". Alla fine della celebrazione, poche ma significative parole da Francesco Totti: "Era come un papà".

La parola passa ad Eusebio Di Francesco: "Oggi non avrei voluto parlare". Quando mi sono fatto male al polmone lui è stato con me in sala operatoria tenendomi la mano, io avevo paura e lui mi stava accanto. Daniele ha detto cose importanti di Giorgio, ha insegnato a tutti ad essere se stessi nella vittoria e nella sconfitta.

"Quando è nata mia figlia ho scelto Giorgio per accompagnarmi in clinica". Parlammo tanto su come si fa il padre e come si tiene una famiglia. Non lo ringrazio come capitano della Roma, ma come il ragazzino che dimenticava la cinta o i calzini e lui mi dava la sua. Forse l'unico indispensabile in questa società. Quando ho avuto un arresto cardiaco in campo prontamente mi ha rianimato. Il tecnico, dal canto suo, si confronta di continuo con la squadra (non ieri sera) sia in gruppo sia attraverso colloqui singoli, ma per lui saranno decisivi i prossimi 180'. "Il ricordo è di una persona sempre disponibile e con i sorriso per tutti, anche quando le cose non andavano bene". Arrivano anche Totti e Bruno Conti. "Lode a te Giorgio Rossi". La cerimonia si terrà alle 15:30 alla Chiesa Don Bosco a Cinecittà. Le parole di quest'ultimo: "Un padre per tutti noi, un grande uomo e un grande professionista". Gli tirò fuori la lingua e lo salvò. "Era una persona veramente unica". Giorgio era tutto per noi, insieme a Fernando Fabbri, non ti faceva mancare mai nulla, sempre disponibile. La professionalità di Giorgio era nei piccoli e nei grandi gesti. Una vita intera dedicata alla 'magica' che s'è spenta nella notte scorsa dopo qualche giorno di ricovero nell'ospedale Sant'Eugenio.

Ancelotti, con nuovo modulo piu' solidi
Napoli sempre in totale dominio della partita e già in gol al 3' con Insigne e poco dopo, al 21', con Verdi . Se ci son giocatori di qualità non ha importanza il ruolo o gli schemi, ma la tecnica e l'impegno.

Ore 14:50 - Il feretro di Giorgio Rossi è arrivato sul piazzale antistante la Basilica di San Giovanni Bosco.

Ore 15:00 - Presenti Giuseppe Giannini e Odoacre Chierico. Presenti striscioni e corone dei gruppi organizzati del tifo romanista.

Share