Migranti, Onu: "Italia violenta e razzista, invieremo personale"

Share

Giovanni Legnini ha sostenuto dunque che le scelte legislative devono considerare in modo adeguato questo dato, invitando governo e parlamento a non dimenticare la forza, della norma in questione, prevista dalla Carta fondamentale del nostro paese. Questo atteggiamento politico ha conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili.

"Anche se il numero dei migranti che attraversano il Mediterraneo è diminuito - ha aggiunto - il tasso di mortalità per coloro che compiono la traversata è risultato nei primi sei mesi dell'anno ancora più elevato rispetto al passato".

"Abbiamo intenzione di inviare personale in Italia per valutare il riferito forte incremento di atti di violenza e di razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e rom", ha annunciato Bachelet. Come nuovo alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Bachelet ha criticato l'erezione dei muri di confine, la separazione delle famiglie di immigrati e l'incitamento dell'odio contro i migranti: "Queste politiche non offrono soluzioni a lungo termine a nessuno, solo più ostilità, miseria, sofferenza e caos".

Strasburgo: sì alle sanzioni all'Ungheria di Orban e alla Direttiva sul copyright
A favore hanno votato 448 parlamentari, mentre 197 hanno votato no e 48 si sono astenuti. La Lega e Forza Italia avevano annunciato ieri il loro voto contrario .

Intanto Il ministro dell'Interno tedesco ha chiuso la trattativa con l'Italia sul respingimento dei migranti. "Da anni - si legge nella nota - l'Italia è impegnata in operazioni di soccorso e salvataggio di persone nel Mar Mediterraneo, cui hanno fatto e fanno seguito onerose e complesse politiche di prima accoglienza nel territorio nazionale".

Anche la Farnesina guidata da Enzo Moavero Milanesi reagisce con un comunicato sulla stessa linea di Salvini. L'Italia è stata avvicinata a paesi come gli Emirati o la Cina che sono assolutamente lontani dalla visione di diritti sociali.

Politici dell'opposizione, associazioni di beneficenza e ONG hanno accusato Salvini di aver creato un clima di odio dopo gli attacchi, che hanno coinciso con una spinta anti-immigrazione che ha incluso il voto di espulsione dei Rom. Invece di mandare gli ispettori dell'Onu in Italia, avrei mezzo mondo in cui mandarli. Secondo Salvini, infatti, "L'Italia negli ultimi anni ha accolto 700mila immigrati, molti dei quali clandestini, e non ha mai ricevuto collaborazione dagli altri Paesi europei" e ha continuato "prima di fare verifiche sull'Italia, l'Onu indaghi sui propri Stati membri che ignorano diritti elementari come la libertà e la parità tra uomo e donna". Ma se questa risposta sembrerebbe sufficiente ed esaustiva, ecco che il vice premier "minaccia" di parlare con l'alleati sull'utilità di stanziare tutti questi soldi all'organizzazione. "Chi non lo fa adesso - aggiunge - sarà colpevole per sempre". Ha poi chiesto di "garantire l'accesso all'asilo e alla protezione dei diritti umani nell'Unione europea".

Share