Papa Francesco: il presunto dossier di Viganò si commenta da solo

Share

Un tassello buio dice che in Vaticano arrivarono alcune e-mail anonime, in cui si affermava che Viganò stava promuovendo in modo inappropriato, la carriera di suo nipote. Il 19 ottobre 2011 arriva la nomina a nunzio apostolico negli Stati Uniti, come successore dell'arcivescovo Pietro Sambi, deceduto all'inizio di quell'anno. "La mia resistenza a lasciare il mio compito al Governatorato era motivata da un profondo senso di ingiustizia per una decisione che sapevo non corrispondeva alla volontà che papa Benedetto stesso mi aveva manifestato".

I risultati dell'indagine non sono mai stati rivelati, ma le sue scoperte erano così importanti che nel loro primo incontro dopo l'elezione di Francesco del 13 marzo 2013, Benedetto e il nuovo papa sono stati fotografati uno di fronte all'altro nella residenza estiva papale con un'enorme scatola bianca tra loro: era la documentazione dell'inchiesta, passata da un papa all'altro.

Abusi di qualsiasi tipo, come ha sottolineato il Papa nella due giorni irlandese (leggi qui), durante la quale il Pontefice ha implorato il perdono, di Dio e degli uomini, per questi orrendi crimini (leggi qui). Facile immaginare ad esempio le cordate tradizionaliste nate intorno ai 4 porporati dei Dubia, contrari alle aperture pastorali di Francesco sulla famiglia, guidati dal cardinale Burke, arrivato persino ad adombrare accuse di eresia al Papa. Il Santo Padre è fiducioso che i reporter che si occupano di questa presunta vicenda abbiano "la capacità giornalistica sufficiente per trarre le conclusioni".

Istat: i dati sulla disoccupazione
Malgrado il calo di giugno e luglio, nel trimestre maggio-luglio gli occupati sono aumentati di 151 mila unità (+0,7%). Il calo è interamente legato alla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni .

Contattato dal Washington Post, Viganò ha confermato di aver scritto la lettera ma non ha voluto fare altri commenti. Ci hanno anche mostrato come la fede si attui nella vita quotidiana, 'intorno alla tavola di casa', e diffonda la sua bellezza nella grande comunità della Chiesa e della società.

Alimentati da una esplosione di blog di destra in cui le polemiche sull'omosessualità nella Chiesa la fanno da padrone, i cattolici conservatori americani, in linea con la presidenza Donald Trump, sono tra i più feroci oppositori dell'agenda Bergoglio di cui contestano le politiche pro-migranti e sul cambiamento climatico. In realtà non vi sono prove delle affermazioni di Viganò, e proprio Papa Francesco aveva sanzionato duramente e ridotto allo stato laicale McCarrick, accusato di molestie sessuali e di aver avuto rapporti omosessuali con minori.

Share