Parla Fabian Ruiz: "Farò vedere quanto valgo"

Share

"Joaquin? Mi sono congratulato con tutto il Betis - conclude lo spagnolo - lui mi ha dato lezioni di italiano prima del trasferimento a Napoli". Mi sembra ottimo per il mio futuro, per questo ho deciso di cambiare. Sono stato molti anni a casa mia, a Siviglia, con la famiglia e sempre con lo stesso club. "Ma non vedo l'ora di debuttare e fare bene".

Sarri punge De Laurentiis: "Ho saputo di Ancelotti dalla tv"
Però quando siamo lontani, scatta un po' di nostalgia e qualcosa ci manca sempre. Come ad esempio la corsa scudetto dello scorso anno: "Mi capita di ripensarci".

Ti spaventa esser stato pagato 30 milioni? "Ti dà motivazione piuttosto". Più che paura, quei soldi mi danno la carica per dimostrare quello che valgo. Il Napoli ha fatto un grande sforzo sborsando 30 milioni per me e ora devo ripagarlo in campo. "Sono due grandi allenatori, da ognuno apprenderò qualcosa". E' grazie a Setien che sono dove sono, devo ringraziarlo perché mi ha dato la fiducia necessaria. Ora c'è Ancelotti, che ha vinto molti titoli ed è tanto un grande allenatore quanto una buona persona. "Imparerò molto da lui", ha proseguito Fabián Ruiz. Niente esordio ancora in Serie A anche per via di qualche problema fisico che lo ha rallentato nelle prime settimane di lavoro, ma il centrocampista spagnolo classe 1996 lavora per farsi trovare pronto quando arriverà la chiamata di Ancelotti. "Il calcio italiano si vive con molta passione, gli stadi sono pieni, sul resto non posso dire molto visto che ancora non ho giocato".

Share