Rocca di Papa, 50 migranti trasferiti dalla Diciotti irreperibili dopo essersi allontanati

Share

Sono andati via decine di migranti sbarcati dalla nave Diciotti, come riferiscono fonti ufficiali del Viminale. L'allontanamento sarebbe avvenuto dal centro di accoglienza della Cei o dal centro di Messina.

"Queste persone - spiega Soddu - davanti ad una situazione di affidamento o prima o dopo avrebbero potuto scegliere di allontanarsi volontariamente" perché la struttura che li accoglie non ha il compito di trattenerli. Lo ha fatto attraverso il suo elemosiniere, Konrad Krajewski, che si è fermato a pranzo nella sede della cooperativa e ha portato a tutti gli ospiti dei gelati, un dono del Pontefice. Nel dettaglio, secondo quanto si è appreso, sei si sono allontanati il primo giorno di trasferimento, cioè venerdì 31 agosto.

Puntuale è arrivato anche il commento di Matteo Salvini: "Più di 50 degli immigrati sbarcati dalla Diciotti erano così 'bisognosi' di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! - scrive il ministro dell'Interno su Facebook - Ma come, non li avevo sequestrati?".

Test medicina 2018, le risposte alle domande: frattale, costituzione, Dna e biscotti
Le domande per la prova in Medicina e Odontoiatria sono 67.005, erano 66.907 nel 2017. Domani toccherà ai testi per il corso di laurea in Medicina Veterinaria.

Si sono allontanati e risultano irreperibili. Il vicepremier ha poi proseguito: "È l'ennesima conferma che non tutti quelli che arrivano in Italia sono 'scheletrini che scappano dalla guerra e dalla fame'".

"Lavorerò ancora di più per cambiare leggi sbagliate e azzerare gli arrivi". Ora, si sta procedendo alla verifica del numero esatto e della nazionalità dei "dispersi". "È allontanamento volontario, non fuga". "Erano così disperati che hanno preferito rinunciare a vitto e alloggio garantiti per andare chissà dove. È l'ennesima prova che chi sbarca in Italia non sempre scappa dalla fame e dalla guerra, nonostante le bugie della sinistra e di chi usa gli immigrati per fare business", sottolineano i sottosegretari all'Interno Stefano Candiani e Nicola Molteni. Sappiamo che questa tipologia di persone è difficile, per le storie che ha alle spalle. I migranti che si sono allontanati si erano limitati a "manifestare l'interesse per formalizzare la domanda d'asilo", fanno sapere dal Viminale.

I migranti della Diciotti che si sono resi irreperibili, già al centro di Rocca di Papa e in alcuni casi successivamente nelle strutture di accoglienza delle diocesi, ovunque verranno trovate, in Italia o anche all'estero, "potranno chiedere asilo - dice don Soddu all'Ansa - ricominciando quella procedura che era stata avviata nelle nostre strutture, a partire dal centro di accoglienza straordinaria" Mondo Migliore che è uno snodo rispetto alle strutture delle Caritas diocesane che si sono offerte per una accoglienza a lungo termine.

Share