Secondo una ricerca, la dieta antinfiammatoria può allungare la vita

Share

La dieta anti-infiammatoria, o contro l'infiammazione, è stata scoperta dai ricercatori dell'Università di scienze della vita di Varsavia insieme all'Università di Uppsala, l'Istituto Karolinska e il Centro di ricerca sul cancro Fred Hutchinson di Seattle. In base a questi dati forniti è stato assegnato un punteggio che variava tra zero e sedici, più alto era il punteggio e più la dieta era considerata vicina allo standard anti-infiammatorio.

Un nuovo studio suggerisce che coloro che si lasciano andare a spuntini "fuori orario" annullerebbero quanto di buono fatto durante il giorno, se si sta seguendo una dieta per dimagrire. Un elevato livello di glicemia nel sangue, soprattutto in gravidanza, può portare allo sviluppo di diabete gestazionale, un problema temporaneo, dicono gli esperti, che riguarda più di una donna su 15, dovuto ai cambiamenti metabolici della maternità il quale, se non opportunamente controllato, può avere ripercussioni sul nascituro come un elevato peso alla nascita o una bassa glicemia (ipoglicemia).

Miss Italia, il sindaco Ortenzi: "Carlotta l'ho vista crescere, che soddisfazione!"
Semplice: perché in quel momento, quando per Chiara è finito il concorso a un passo dal traguardo, speravamo che vincesse. La nuova Miss Italia è alta 172 centimetri mentre pesa all'incirca 50 chilogrammi.

La dieta-antinfiammatoria sarebbe il segreto per una lunga vita sana e felice. In cosa consiste? Nel mangiare frutta e verdura in quantità, visto che sono cibi ricchi di antiossidanti, formaggio fresco, pane integrale, cereali, noci e cioccolato fondente. Esse, infatti, assistevano a una riduzione del rischio di morte per qualsiasi causa del 31%, del decesso per malattie cardiovascolari del 36% e per cancro del 22%, rispetto agli altri fumatori. "Anche solo seguendo parzialmente questa tipologia di dieta è comunque possibile ottenere dei benefici per la propria salute", ha dichiarato Joanna Kaluza, una delle autrici dello studio. Carne rossa non lavorata e trasformata, patatine e bevande analcoliche, che non farebbero altro che alimentare le infiammazioni, mettendo in pericolo la salute.

Share