Serie A Udinese, Velazquez: "Fiorentina avversario molto difficile"

Share

Questa volta l'avversario di turno della formazione allenata da Stefano Pioli è l'Udinese, squadra che nelle prime due giornate ha totalizzato una vittoria e un pareggio.

Le assenze a centrocampo quanto complicano il suo lavoro? Ha pensato a una formazione più offensiva oppure non vuole stravolgere gli equilibri? Tuttavia, c'è cauto ottimismo per vederlo in campo al Franchi, in alternativa si tiene caldo Opoku.

Due posti nel tridente sono sicuri, al centro ci sarà Giovanni Simeone e a destra agirà Federico Chiesa, mentre non manca qualche dubbio per il terzo elemento dell'attacco: probabile la conferma di Eysseric ma Pjaca spera nel debutto da titolare.

Sono 11 anni che non vinciamo a Firenze, l'ultima vittoria risale al 2007 con gol di Quagliarella e Di Natale. L'importante è che i miei giocatori mi facciano vedere grande competitività in campo. Pare quindi che Velazquez sia un predestinato, e ha ribadito che nonostante le assenze, tra cui quelle di Mandragora squalificato per la bestemmia decifrata in diretta Tv, l'Udinese proverà a vincere a Firenze.

Sampdoria-Napoli, Giampaolo: "Quasi impossibile battere gli azzurri"
Considerando che le caratteristiche dei due giocatori sono ben diverse, sarà innanzitutto una scelta tattica quella di Ancelotti . Tonelli può giocare sia centro-destra che centro-sinistra? " Giampaolo è alla ricerca di un'identità tattica per la Sampdoria ".

Su Teodorczyk e Pussetto: "Li ho visti bene, crescere piano piano".

"Nacho e Lukasz stanno raggiungendo una buona condizione, stanno migliorando ogni allenamento". Auspico anch'io - come la società - che venga garantita simmetria ed equità di trattamento da qui in avanti. "Aggiungo che mi spiace molto per Rolando perché è davvero un bravo ragazzo".

"Simone è un bravissimo ragazzo ed è anche un friulano doc. Si sta allenando bene ed è convocato". Serve più continuità rispetto ad altre posizioni, ma per me i portieri sono tre e ci sono dunque tre possibilità. Senza sottovalutare soprattutto "che anche noi arriviamo da una vittoria con una squadra forte come la Sampdoria". "Siamo pronti ad affrontare l'ennesimo esame". Mi auguro solo che chi andrà in Nazionale possa giocare e tornare in salute.

Lasagna sembra non avere ancora il killer instinct: "Lasagna ha fatto un ottimo ritiro e in partita lavora molto bene, aiuta i compagni, fa blocco. con un gol cambia tutto".

Share