123 ragazzini trovati in Michigan: erano scomparsi e sarebbero stati violentati

Share

L'obiettivo dell'operazione era di localizzare più del doppio dei ragazzini scomparsi (oltre 300): i 123 minori salvati sono stati interrogati per verificare le loro condizioni di salute.

Durante un'operazione di polizia nell'area di Detroit (USA) sono stati ritrovati in una sola volta 123 bambini che risultavano essere scomparsi da mesi. Alcuni di quelli ritrovati purtroppo sono bambini di strada, senza casa e senza parenti, facili vittime dei predatori sessuali: uno di loro non mangiava da tre giorni.

L'operazione, che ricordiamo è stata effettuata in un unico giorno, si è svolta lo scorso 26 settembre ed ha interessato tutta la Contea Del Wayne, nello stato del Michigan (USA).

Fortunatamente nessuno dei bimbi sequestrati ha subito violenze fisiche, ma sarebbe successo presto poiché almeno tre di loro erano destinati al mercato del sesso.

Pallavolo, Mazzanti: con la Russia difficile
L'Italia va a caccia della qualificazione alle Final Six di Nagoya dei Mondiali femminili in corso in Giappone . Si gioca Italia-Thailandia e, dopo qualche incertezza iniziale, le azzurre iniziano a condurre il gioco.

I 301 fascicoli inerenti altrettanti bambini sono stati consegnati all'unità di recupero dei bambini scomparsi di Detroit che ha collaborato con il centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, il dipartimento di polizia di Detroit e la Polizia dello Stato del Michigan.

E' un traffico, quello sessuale, che si conosce da tempo e su cui si indaga altrettanto, ma la scoperta fatta dalla polizia di Detroit è scioccante.

Di questi 9 sono stati individuati e recuperati prima dell'operazione MISafeKid, altri 7 sono stati invece ritrovati dopo. Gli interrogatori hanno inoltre permesso agli agenti di ottenere preziose informazioni su altri due ragazzini ragazzini scomparsi, uno da Texas e uno dal Minnesota, e ora proseguono le ricerche.

Share