Addio a Charles Aznavour, l'ultimo dei grandi chansonnier di Francia

Share

Il cantante Charles Aznavour è morto oggi.

Il decesso del cantante francese più noto all'estero è avvenuto nella sua casa delle Alpilles, in Provenza, dove era rientrato dopo un tour in Giappone. Aznavour era nato a Parigi nel 1924 da genitori armeni (il cognome in realtà è "Aznavourian"). Il successo come cantautore arrivò grazie alle tournèe fatte insieme a Edith Piaf tra Francia e Stati Uniti.

Quattro figli, nonno felice, ha vissuto negli ultimi anni a Saint-Sulpice, sulle rive del Lago Lemano, con la moglie Ulla che sposò 47 anni fa.

Salvini: "Bruxelles? Me ne frego"
Così Luigi Di Maio risponde al monito del Capo dello Stato sull'equilibrio dei conti. Sono anni che si fanno manovre contro i cittadini a favore delle banche in deficit.

Le canzoni di Aznavour parlano principalmente di amore, in tutte le sue sfumature. Il fatto che cantasse in sette lingue (francese, inglese, italiano, spagnolo, tedesco e russo) gli ha consentito di esibirsi in tutto il mondo divenendo ovunque famosissimo. Svariate migliaia i concerti da lui tenuti. Purtroppo gli appassionati italiani non hanno potuto rivederlo il 23 giugno, quando era prevista il suo unico concerto nel nostro paese del 2018. Si è esibito alla Carnegie Hall e nei maggiori teatri del mondo, duettando con star internazionali come Nana Mouskouri, Liza Minnelli, Sumiva Moreno, Compay Segundo, Céline Dion e, in Italia, con Mia Martini e Laura Pausini. Le sue canzoni sono state reinterpretate da artisti come Elton John, Bob Dylan, Sting, Placido Domingo, Julio Iglesias, Edith Piaf, Sammy Davis Jr. "Il cantante aveva anche recitato in circa 60 film, stando a quanto riporta Le Figaro" che ricorda come la sua fama mondiale l'aveva portato anche a ricevere una stella sulla "Walk of Fame" nel 2017.

E di pari passo con l'attività artistica, Aznavour si è sempre battuto per la causa Armena, con una fitta attività diplomatica e anche diventando ambasciatore dell'Armenia in Svizzera, dove si esiliò negli anni Settanta per problemi con il Fisco francese.

Share