Bansky, il quadro appena venduto a 1 milione di sterline si autodistrugge

Share

È con questa citazione di Picasso che Banksy, il più celebre e geniale degli street artist contemporanei, rompe il silenzio dopo che il video di una sua opera che si autodistrugge subito dopo essere stata battuta per oltre un milione di sterline a un'asta Sotheby's ha fatto il giro del mondo. E dato che il video ripropone anche l'esatto momento in cui il meccanismo si aziona triturando il dipinto, si può avanzare l'ipotesi tutt'altro che remota che tra loro ci fosse anche lo stesso Banksy.

L'artista ha infatti pubblicato su Instagram il filmato che documenta il montaggio di un trita-documenti nella cornice del quadro: "Qualche anno fa - spiega una didascalia che accompagna il breve filmato dell'assemblaggio del meccanismo e dei suoi successivi 'effetti' sul dipinto - ho segretamente installato un trita-documenti dentro un dipinto nel caso fosse mai finito all'asta". Il paradosso è che ora il quadro, benché distrutto, potrebbe acquistare ancora più valore. Dunque, non dovrebbe stupire quanto accaduto ieri, venerdì 5 ottobre, quando al termine di un'asta presso Sotheby's, a Londra, il quadro "Girl with balloon" si è autodistrutto dinanzi agli occhi increduli dei presenti. Era stato acquistato dal venditore direttamente dall'artista nel 2006.

MotoGp Thailandia, Dovizioso leader. Spaventosa caduta di Jorge Lorenzo
La moto è andata distrutto e il commissario di gara ha sospeso la sessione estraendo la bandiera rossa. Non mi ha saputo dire alcunché sulle ragioni della caduta, era solo molto arrabbiato'".

Stimato tra le 200mila e le 300mila sterline (225mila e 341mila euro), ad aggiudicarsi il quadro era stato un anonimo compratore per telefono, offrendo 1.042.000 sterline (1.180.000 euro).

Banksy, artista e 'graffitaro' di Bristol, è famoso per opere su temi controversi, polemici, ma anche per un'arte non convenzionale nel tentativo di renderla non commercializzabile. "Stiamo discutendo i prossimi passi" ha affermato la casa d'asta. Poco dopo è suonato un allarme in sala.

Share