Baviera: crollo della Csu, boom dei Verdi

Share

In contemporanea, i Verdi hanno sfondato, raggiungendo il 17,8%, ribaltando ogni previsione e diventando la seconda forza del Land.

Stando ai dati preliminari, la Csu ha ottenuto il 37,2% dei consensi, pari a 10 punti in meno rispetto al voto di quattro anni fa, perdendo così la maggioranza assoluta. Entra per la prima volta nel Parlamento regionale della Baviera Alternativa per la Germania, il partito di estrema destra presente adesso in 15 dei 16 Parlamenti regionali. I liberaldemocratici di Fdp si attestano al 5%. All'analisi politica made in Pomigliano manca, curiosamente, l'elemento più discusso dal resto degli analisti europei e mondiali: il risultato di Alternative Fur Deutschland, che è cresciuta ma non tanto quanto ci si attendeva nei mesi precedenti, fermandosi all'11%. Il partito dell'ultradestra, che sperava in un'affermazione più netta, rimane sotto le aspettative. Da parte sua, la leader dell'AfD, Alice Weidel, ha affermato che il governo della Merkel "non è una Grosse Koalition ma una Mini Koalition", chiedendo alla cancelliera di "avviare il cammino per nuove elezioni". Dimezza invece i voti l'Spd che crolla al 9,6%. L'ultimo sondaggio Forsa li dà al 19% nazionale, secondo partito dopo una Union in caduta libera (28% contro il 32,9% di un anno fa).

Il leader nazionale del partito ecologista, Robert Habeck, interpreta il risultato come "un incarico a cambiare" il ricco Land meridionale. Questo potrebbe portare i Verdi a diventare l'ago della bilancia, scegliendo tra una potenziale alleanza di governo con i conservatori o con i socialisti dell'Spd e i liberali dell'Fdp. "E' un monito alla Cdu (Unione Cristiano-Sociale) - ha detto il segretario del partito Annegret Kramp-Karrenbauer, che oggi incontrera Merkel - ed è per questo che la nostra priorità nelle prossime due settimane deve essere l'Assia".

Khashoggi "è stato torturato e fatto a pezzi ancora vivo"
Khashoggi sarebbe stato portato dall'ufficio del console in uno studio adiacente e steso su un tavolo. Altri 3 sospettati sarebbero invece collegati alla scorta che si occupa della sicurezza del principe.

Tutt'altro clima in casa Csu. Un futuro per il mondo lo si avrà solo se si ha il coraggio di proteggere l'ambiente, puntare alla biodiversità, alla rinnovabilità delle risorse, al rafforzamento della comunità, alla localizzazione invece della globalizzazione. "Anche se per la sconfitta ci sono molte cause, a Berlino come a Monaco". Una spiegazione è che la Csu, per la sua vecchia posizione inflessibile sulla politica migratoria, ha rafforzato AfD.

Questa volta però le recenti elezioni che si sono svolte il 14 ottobre in Baviera, aprono una prospettiva inaspettata, ove l'avanzata populista che sembrava inarrestabile segna stranamente il passo. Al voto di oggi sono stati chiamati 9,5 milioni di elettori.

Per riuscire a governare con una solida maggioranza, la Csu dovrà ora cercare un alleato. Se la Csu cercasse di ampliare i propri consensi a destra, attirando parte dell'elettorato di Afd e di Freie Wähler, si potrebbero creare tendenze inconciliabili all'interno della Grande Coalizione e le conseguenze sarebbero negative per la tenuta del governo Merkel.

Share