Chef Kumalè accusa Elisa Isoardi: "Prima gli italiani anche in cucina"

Share

Lo Chef Kumalè ha affidato ai social il suo sfogo dopo l'abbandono de La Prova del Cuoco. A lasciare il cooking show ora è Vittorio Castellani, alias chef Kumalè, punto di riferimento per le cucine del mondo. Lo chef ha spiegato il motivo dell'addio con un post su Facebook.

Mi è stato comunicato dagli autori della trasmissione che l'interesse era per le cucine regionali e non per il multiculturalismo a tavola, dopo che mi avevano chiesto di sviluppare, insieme allo chef Gabriele Faggionato di Garage Italia una serie di approfondimenti sull'uso delle spezie nelle cucine del mondo. "Ho deciso di eliminare il post che avevo condiviso ieri sera sulla mia mancata partecipazione alla puntata odierna a La Prova del Cuoco - ha scritto poi chef Kumalè - L'ho fatto perché, al di là dei numerosissimi messaggi di stima e di apprezzamento, che mi ha fatto molto piacere ricevere, non desidero che questa triste vicenda, sulla quale ciascuno si sarà fatto la sua opinione, diventi terreno di sciacallaggio da parte di nessuno. E allora buona fortuna!". "Come se i due contenuti non potessero convivere all'interno della stessa trasmissione", scriveva su Facebook.

Ossa in Nunziatura a Roma, forse di Emanuela Orlandi
Quella che sembrava la scomparsa di una adolescente si è trasformata in un giallo internazionale che coinvolge la Santa Sede . La Procura di Roma procede per omicidio in relazione al ritrovamento delle ossa nell'edificio di proprietà del Vaticano .

Anche in cucina mi sembra chiaro il concetto di 'Solo gli italiani', che rappresenta un'estensione dello slogano 'Prima gli italiani'.

Castellani, poi, ha dichiarato di non voler fare polemica, ma ha attaccato duramente, oltre che il programma, anche il nostro paese, dicendo che si respira un'aria asfittica a causa di una forma di povertà culturale. "Dal 10 settembre, data di avvio di questa edizione, sono state presentate molte ricette non tradizionalmente italiane, con piatti e ingredienti dai cinque continenti e continue contaminazioni culinarie (proprio questa mattina, 29 ottobre, viene proposta una parmigiana di melanzane con un accostamento alla ricetta giapponese degli uramaki) - si legge nella nota -". I cuochi che partecipano alla trasmissione, arrivati oggi a 40 dai 160 dei casting estivi, sono vagliati attraverso una scelta editoriale che tiene conto di numerosi fattori, tra cui - come in tutti i programmi - la capacità televisiva e scenica, la qualità del racconto e in ultimo il gradimento del pubblico. Non esiste, invece, alcuna selezione o indicazione 'tematica' sulla cucina presentata: "qualunque affermazione di questo tipo è falsa".

Share