Chi era Paul Allen, il cofondatore di Microsoft morto a 65 anni

Share

"Paul Allen era uno straordinario precursore - nel business, nella filantropia e nello sport" ha detto il commissioner Adam Silver, citando le parole "trail blazer" come da nickname della franchigia.

Il cofondatore di Microsoft, Paul Allen è scomparso a Seattle, all'età di 65 anni, per una serie di complicazioni legate al linfoma non-Hodgkin. Aveva lasciato definitivamente la guida della compagnia nel 2000 ma era rimasto nel ruolo di consulente. Dopo soli otto anni però Allen lascio Microsoft per problemi di salute e per il deteriorarsi della sua amicizia con Gates.

Allen era anche proprietario dei Seattle Seahawks nella NFL e dei Portland Trailblazers in NBA.

Maltempo. Allerta arancione su Basilicata, Sicilia e Calabria
I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità e frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento .

Sono giunti messaggi di cordoglio anche da tanti altri giganti del settore, da Satya Nadella di Microsoft a Tim Cook di Apple, da Sundar Pichai di Google a Jeff Bezos di Amazon; tutti riconoscenti verso il contributo dato da Paul Allen alla tecnologia. "Come co-fondatore di Microsoft ha creato prodotti magici ed esperienze nuove e nel farlo ha cambiato il mondo2, ha aggiunto Nadella". "È stato un grande leader tecnologico" dice Marc Benioff, numero uno di Salesforce.

La scomparsa di Allen, annunciata attraverso un comunicato della Vulcan, la società fondata nel 1986, è avvenuta a causa di un tumore che ha origine nel sistema linfatico e provoca lo sviluppo di tumori da linfociti.

Non solo techAllen ha realizzato un progetto discografico, un album rock venduto esclusivamente online e ha iniettato decine di milioni di dollari nell'Experience Music Project, museo dedicato al rock e alla fantascienza. "Anche se per molti Paul era un uomo della tecnologia e un filantropo - ha scritto in una nota la sorella Jody - per noi era il nostro amato fratello e un amico eccezionale". Avrebbe meritato molto più tempo, ma i suoi contributi al mondo della tecnologia e della filantropia vivranno per le generazioni a venire. "In questo momento di lutto siamo profondamente grati per la sua attenzione che ha dimostrato ogni giorno".

Share