Ciclismo, Pinot vince la 99ª edizione della Milano-Torino

Share

Il ventottenne Thibaut Pinot ha vinto l'edizione 2018 della Milano-Torino, la Classica che apre il programma del "trittico autunnale" in attesa del Giro del Piemonte di domani e di quello di Lombardia di sabato.

Solo Pinot e Gaudu (Groupama FDJ) e Majka (Bora Hansgrohe) hanno resistito alle accelerate potenti del campione del mondo, e i quattro hanno scollinato insieme il primo passaggio di Superga.

Seguono Cattaneo, Reichenbach, Kelderman, Pozzovivo, Fuglsang, Aru e Bernal. Nata in tempi di proto-ciclismo (prima edizione nel 1876, vinse Paolo Magretti, celebre zoologo-esploratore e pedalatore), poi a lungo trascurata, la corsa organizzata da Rcs Sport torna all'antico splendore offrendo un finale vivacissimo con la doppia scalata conclusiva al Colle di Superga: cinque chilometri al 9% di media (uniti a un tracciato di 200 chilometri) la consacrano a passisti-scalatori di talento. Mentre López cerca di attaccare con la testa girata, Gaudu (compagno di squadra di Pinot) si sposta al centro della carreggiata: i due si aggrovigliano e finiscono a terra.

Vertice sulla manovra, Salvini: "Limiamo tasse e pensioni"
"Abbiamo organizzato la prima riunione della cabina di regia, abbiamo invitato le principali aziende di stato - ha dichiarato il premier -.

Martedì, intanto, antipasto di ottimo livello alla 98ª Tre Valli Varesine, conquistata dopo una volata a sette dal lituano Tom Skujins, alla prima vittoria importante in carriera, su Pinot e Kennaugh. Amo questa corsa. Se non fosse stato per la caduta a un chilometro dall'arrivo ci sarebbe stata più battaglia con Miguel Angel Lopez che era l'uomo da battere oggi, così come Valverde. Penso di esser diventato più forte mentalmente. Domani invece spazio al Gran Piemonte NamedSport, dedicato alle ruote veloci: da Racconigi a Stupinigi, 191 km.

Si parte da Bergamo e si arriva a Como dopo 241km. Secondo posto per Lopez e terzo per il neo campione del Mondo Valverde.

Share