Corsa contro il tempo per Alessandro.Serve donatore di midollo

Share

Sta diventando virale sulle 'piazze' del web, ma anche in quelle reali, l'appello dei genitori del piccolo Alex, bimbo affetto da una rara malattia genetica che necessita di un trapianto di midollo per sopravvivere. Chiede aiuto per il piccolo di casa, Alessandro Maria, un anno e mezzo.

"Ciao a tutti - si legge nell'appello che gira sui social - mi chiamo Alessandro Maria e ho compiuto 1 anno e mezzo da pochi giorni". Si trovava a mare con i genitori quando si è sentito male ed è stato portato subito in ospedale. Il piccolo, che vive coi genitori a Londra, è affetto da linfoistiocitosi emofagocitica, comunemente conosciuta in medicina come HLH, una malattia genetica rarissima che colpisce solo lo 0.002% dei bambini, e che non lascia speranze di vita senza trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile in tempi rapidissimi. "I dottori ci hanno comunque detto che molto probabilmente ci restano solo 5 settimane per poter trovare una persona che abbia il midollo compatibile col mio", l'ammissione di Alessandro.

In ospedale stanno somministrando ad Alessandro Maria un farmaco sperimentale (è il primo bambino in tutta l'Inghilterra a riceverlo) ma del quale non si conosce quanto possano durare gli effetti. Figlio unico - dunque senza fratello o sorella che possano donare il loro midollo - i genitori hanno prima cercato nel registro mondiale dei donatori di midollo osseo, e poi in quello dei cordoni ombelicali: purtroppo non sono riusciti a trovare un donatore compatibile. La metà di questi non sopravvive al primo mese dalla manifestazione della malattia, un terzo dei restanti presenta purtroppo dei problemi neurologici - celebrali.

Inter, Icardi: "Presto per lo Scudetto, obiettivo Champions"
Questo successo ci dà la consapevolezza che bisogna continuare così, prima della sosta per le nazionali avevo detto che bisognava vincere per questa gente che ci sostiene a San Siro.

Le cellule staminali possono essere donate con un semplice prelievo del sangue, con la stessa siringa che si usa quando si va a donare il sangue, ma con l'unica differenza che mentre i gruppi sanguigni sono 8, le combinazioni di midollo osseo sono miliardi e solo una procedura di laboratorio nota come tipizzazione tissutale ne può determinare la compatibilità.

L'appuntamento è anzitutto a Milano, oggi e domani, in piazza Sraffa.

Sabato 27 ottobre, in piazza Trieste e Trento a Napoli ci sarà una raccolta di campioni salivari organizzata dall'ADMO (Associazione Donatori di Midollo Ossero) per cercare DNA compatibile con la donazione di midollo.

Share