Cristiano Ronaldo accusato di violenza sessuale: riaperta l’inchiesta. Il bianconero: "Fake news"

Share

La violenza sessuale sarebbe avvenuta a giugno del 2009 in una suite di un albergo di Las Vegas. Cosa rischia qualora il procedimento penale dovesse dare ragione alla donna che vuol trascinarlo in tribunale per quanto accaduto 9 anni fa?

Dopo Hollywood lo scandalo delle molestie arriva anche nel mondo del calcio ed il primo a farne le spese è addirittura Cristiano Ronaldo. Ronaldo si mostra sereno fuori dal campo ma anche sul terreno di gioco, proprio ieri contro il Napoli ha disputato una delle sue migliori partite in Serie A. Secondo la legislazione dello Stato del Nevada la condanna che potrebbe essere inflitta al calciatore, qualora dovesse essere riconosciuto colpevole, va da un minimo di 15 anni all'ergastolo (pena detentiva emessa nei casi più gravi e vincolata a diversi fattori aggravanti).

Aspirante modella americana all'epoca dei fatti, la 34enne si sarebbe fatta convincere a tacere in cambio di 375.000 dollari. Cristiano Ronaldo, allora era un giocatore del Manchester United ceduto al Real Madrid.

Fiorentina, Pioli: "La Var va usata se ci sono dei dubbi"
Io non faccio l'arbitro, non ho deciso né quello di Milano né quello di oggi. È chiaramente una simulazione. Tanto che l'arbitro alla fine ha ritenuto di confermare la propria scelta, seppur discutibile.

La ragazza 23enne, madre della loro figlia, ha pubblicato un messaggio di sostegno nei confronti di Cr7 su Instagram: "Trasformi sempre gli ostacoli che si presentano sul tuo cammino in impulsi e in forza, per dimostrare quanto tu sia coraggioso".

La settimana scorsa era stato il settimanale tedesco Der Spiegel a riportare l'indiscrezione e sui social era arrivata la secca risposta di Ronaldo: "Fake news".

Share