DEF da 21,5 miliardi alle Camere. Tria all'UE: "manovra responsabile"

Share

Il punto fermo, il messaggio è diretto ai mercati, muove da una rassicurazione: "non mi pare si possa delineare, da questa manovra, un governo dalla finanza allegra o che fa saltare i conti pubblici per far spazio alle promesse". dice Tria, intervenendo alla presentazione del rapporto "Dove va l'economia italiana e gli scenari di politica economica", del Centro Studi di Confindustria.

Gli obiettivi di bilancio dell'Italia contenuti nella Nota di aggiornamento al Def "appaiono a prima vista indicare una deviazione significativa dal percorso di bilancio raccomandato dal Consiglio".

Tria definisce "coraggiosa e responsabile" la manovra, che dei 21,5 miliardi di euro complessivi previsti prevede di dedicarne ben 16 a reddito e pensione di cittadinanza e 2 alla flat tax. "Questa è una fonte di seria preoccupazione". "La valutazione della Commissione Ue, si ricorda, avverrà in base al documento "draft budgetary plan" che sarà inviato dal governo italiano entro il 15 ottobre".

Nobel chimica 2018 assegnato a Arnold, Smith, Winter
La chimica della vita è presente nei nostri geni , che vengono trasmessi tra le generazioni. Gli altri due scienziati ad aver vinto il premio Nobel per la Chimica 2018 sono due uomini.

L'insieme delle misure della prossima manovra - scrive il ministro - "porterà un aumento della crescita all'1,5 per cento nel 2019 per arrivare all'1,6 e l'1,4 negli anni successivi".

Poco prima della diffusione della lettera inviata dai commissari europei, era stato il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, a tentare di rassicurare tutti, parlando di preoccupazioni "non fondate". Ora si attende il verdetto europeo. L.E. Anche per Silvio Berlusconi i tagli di tasse non si vedono affatto, così come non si vedono, nonostante l'insistenza di Luigi Di Maio sugli effetti occupazionali del reddito di cittadinanza, misure per dare lavoro ai giovani. Saranno cancellate l'Iri, in vigore dal primo gennaio, il cui costo si aggira sui 2 miliardi di euro, e l'Ace, l'Aiuto alla crescita economica di montiana memoria, oggi sfruttato da banche e imprese per circa un miliardo. Nel Documento non viene fatto alcun accenno al rinnovo del contratto dei 3,2 milioni di dipendenti pubblici in scadenza a fine anno. Presenti al tavolo anche il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, i due sottosegretari all'Economia Laura Castelli e Massimo Garavaglia. "Chi giocherà su quello andrà su un terreno molto rischioso".

Share