Dopo il terremoto e lo tsunami, in Indonesia erutta il vulcano Soputan

Share

Nuovi momenti di tensione in Indonesia, dove nelle scorse ore, dopo terremoto e tsunami (vedi suggeriti), gli abitanti sono stati confrontati anche all'eruzione del vulcano Soputan, nel nord dell'isola di Sulawesi.

L'isola indonesiana di Sulawesi si è trasformata in un vero e proprio inferno. Una colonna di fumo e cenere, alta circa 6000 metri, ha annebbiato il cielo.

Le autorità hanno ordinato alla popolazione nel raggio di 4 chilometri di abbandonare l'area a causa della minaccia costituita da lava e fumo. Le autorità hanno consigliato alla popolazione di evitare un'area fino a quattro chilometri intorno al vulcano, ma hanno fatto sapere che al momento non sono necessarie evacuazioni.

Dopo lo tsunami e il terremoto, le catastrofi continuano in Indonesia: erutta il Soputan. Bisogna però occuparsi dei vivi: l'ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni unite che sostiene che almeno 200 mila persone hanno bisogno di aiuti urgenti.

Meteoweb
Meteoweb

66mila gli edifici crollati e intere aree ancora non raggiunte dalle autorità di soccorso. Nella capitale provinciale, colpita sia dal sisma di magnitudo 7,5 sia dal maremoto, gli agenti hanno sparato oggi colpi in aria e gas lacrimogeni per cercare di disperdere una folla che assaltava un negozio. L'Organizzazione mondiale della sanità ha stimato che nella zona 310mila persone sono state colpite dal disastro.

"Dedichi attenzione a Donggala, signor Jokowi!", si è visto gridare un residente - rivolgendosi al presidente indonesiano Joko "Jokowi" Widodo - in un filmato diffuso da una rete locale. Da quanto emerso, molti corpi sono ancora sotto le macerie e la speranza è quella di ritrovare qualche superstite.

L'esercito ha inviato soldati nella città portuale di Palu per sorvegliare infrastrutture, depositi di carburante, banche, il locale aeroporto ed impedire lo sciacallaggio.

Dislessia 2.0: prima piattaforma italiana per lo screening gratuito
I VANTAGGI DI UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER L'AUTOSTIMA E LA CRESCITA DEI RAGAZZI , Cristina Bassi - docente Istituto Bachelet. L'evento si terrà presso l'Auditorium della Fondazione Banca Del Monte Di Lucca, Piazza San Martino 7, Lucca.

Share