Esplode ordigno in un’università in Crimea: almeno 10 morti e 70 feriti

Share

L'ordigno ha provocato la morte di 13 persone. Il caso aperto dagli inquirenti russi non è più per terrorismo, ma per strage, si precisa.

MOSCA. ll Centro regionale di Medicina delle catastrofi della Crimea fa sapere che, "secondo i dati preliminari", nell'esplosione all'istituto politecnico di Kerch "sono morte 10 persone". La comunicazione è arrivata dalla squadra dell'antiterrorismo, che è intervenuta sul posto. Fonti del Cremlino fanno sapere, tramite il portavoce Dmitry Peskov, che non è da scartare l'ipotesi di un attacco terroristico. I risultati dell'indagine che è stata aperta, ha detto ancora Putin, "saranno resi pubblici". Stando ad alcune fonti citate dalla Tass, lo scoppio sarebbe avvenuto nella mensa dell'istituto. Lo riporta l'emittente Russia Today (RT), a cui due testimoni oculari hanno raccontato di avere visto diversi uomini a volto coperto che correvano per l'edificio e uccidevano studenti. Era al quarto anno dell'istituto professionale di Kerch. Secondo quanto riferito dall'agenzia d'informazione, Tass, il comandante delle forze armate ha inviato un contingente in aiuto ai soccorritori e agli operatori di emergenza della città, per ripulire le macerie e dare aiuto a potenziali nuovi feriti.

Gb, è nato il figlio di Pippa Middleton
Successivamente una fonte vicina alla neo mamma ha dichiarato ad Hello! Sono giorni intensi per la monarchia britannica. E' nato il primo figlio di Pippa Middleton , la sorella di Kate , la duchessa di Cambridge.

"Oltre 200 militari e 10 mezzi pesanti inviati a Kerch".

Share