Fca cede Magneti Marelli ai giapponesi: affare per 6,2 miliardi

Share

L'operazione commerciale, del valore di 6,2 miliardi di euro, ha visto come attori principali Fca, che controllava la società di componentistica per autoveicoli italiana, e il fondo americano Kkr, che controlla Calsonic Kinsei. La fusione di Magneti Marelli e Calsonic Kansei creerà un gruppo con un fatturato annuo di 17 miliardi di dollari che conterà circa 65 mila dipendenti tra Tokyo e Milano e avrà tra i suoi obiettivi quello di realizzare parti elettroniche per le automobili di nuova generazione.

La vendita è ancora soggetta ad approvazione delle autorità e altre operazioni di chiusura.

"L'operazione - si legge in una nota - rappresenta un'opportunità unica di combinare due business di successo per creare uno dei principali fornitori mondiali indipendenti di componenti automobilistici, con un fatturato complessivo di 15,2 miliardi di euro". Amministratore delegato del nuovo gruppo sarà l'attuale numero uno di Calsonic Kinsei, Beda Bolzenius e nel consiglio di amministrazione siederà Ermanno Ferrari, oggi ad di Marelli. Secondo Mike Manley, si è trattata di una mossa doverosa, utile a far crescere Magneti Marelli e soddisfare ulteriormente i clienti più affezionati e gli stessi lavoratori del brand. Vola in avvio di scambi a Piazza Affari Fca.

È entusiasmante creare una solida piattaforma per Calsonic Kansei e Magneti Marelli sulla quale lavorare insieme e creare un fornitore automobilistico competitivo che si trova in una posizione estremamente favorevole per entrare nella Top Ten globale.

Figc, Gravina: "Marotta? Valuteremo settimana prossima"
Sul possibile inserimento in Figc di Beppe Marotta , Gravina aggiunge: "Non ci siamo più sentiti, è rimasta quell'idea di riflessione iniziale: valuteremo settimana prossima".

"Questo è un momento di grande opportunità per tutti i nostri collaboratori, che fanno parte di un'azienda sicura, in crescita e indipendente di notevole portata che può guardare al futuro con energia, ambizione e fiducia". guardare al futuro con energia, ambizione e fiducia".

Positivi i primi commenti dei sindacati. Sulla stessa lunghezza d'onda il segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli: "L'accordo prevede la salvaguardia integrale della forza lavoro, su cui vigileremo affinché l'operazione sia una grande occasione di crescita". La nuova combinazione manterrà l'attuale sede operativa di Magneti Marelli a Corbetta, in provincia di Milano.

Magneti Marelli viene acquisita definitivamente dal gruppo giapponese Calsonic Kansei, multinazionale indipendente nel comparto della componentistica per auto. "Soprattutto accogliamo positivamente - aggiunge - le dichiarazioni ufficiali aziendali che ribadiscono che non ci saranno ricadute occupazionali negative per gli stabilimenti italiani, che l'headquarters resterà a Corbetta e che la divisione plastica, non interessata dal trasferimento, resterà in Fca".

Il fatto che la giapponese Calsonic sia concentrata in Asia - spiega Palombella - dovrebbe escludere pericolose sovrapposizioni, mentre la prosecuzione dei rapporti di fornitura con Fca dovrebbe assicurare piena continuità produttiva.

Share