Istat: in II^ semestre reddito famiglie in crescita dell'1%

Share

Nel secondo trimestre di quest'anno i consumi delle famiglie sono fermi.

La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici - prosegue l'Istat -, calcolata come rapporto percentuale tra il risparmio lordo e il reddito disponibile lordo corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione, nel secondo trimestre 2018 è stata pari all'8,6% (+1,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente).

Muore a 29 anni dopo essere stato infettato dall'ameba 'mangia-cervello'
La madre di Fabrizio , molto preoccupata, ha così deciso di portare in ospedale il figlio per capire cosa stesse succedendo. In Italia, scrive il Corriere della Sera l'unico caso mai avvenuto risale al 2004 e coinvolse un bambino di 9 anni.

Secondo i dati diffusi oggi dall'Istat, il reddito disponibile è aumentato nel secondo trimestre dell'anno dell'1,3% rispetto al trimestre precedente, tuttavia i consumi sono rimasti pressoché stabili mostrando una crescita soltanto dello 0,1%. Le associazioni dei consumatori lanciano l'allarme: i consumi sono al palo. "Per far riprendere i consumi nel nostro paese servono interventi urgenti, a partire dalla liberalizzazione dei saldi e dall'abrogazione di leggi e limiti obsoleti per il commercio, che risente della concorrenza dell'e-commerce" - conclude Rienzi. Il potere d'acquisto risulta in aumento dell'1,2%. I consumi invece si sono alzati dello 0,1%. "Il reddito disponibile delle famiglie è cresciuto in misura accentuata, con un netto recupero congiunturale rispetto ai due trimestri precedenti".

"Più che aiutare a ridurre la pressione fiscale su singole categorie di lavoratori, come le partite Iva, cosa incostituzionale, il governo - afferma l'associazione - dovrebbe aiutare chi ha un reddito basso e ha una maggiore propensione marginale al consumo".

Share