Juventus, Allegri: "Mai padroni del match, teniamo i piedi per terra"

Share

Dedico il gol a mia madre, oggi era qua. E' anche mancata la reazione, troppa confusione, nervosismo, poca qualità nelle giocate anche dai subentrati: volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, piuttosto, che sia arrivato oggi e non in match più importanti quell'inevitabile stop che prima o poi sarebbe dovuto arrivare. Questo pareggio fa bene, torniamo con i piedi per terra. Speranza ovviamente inversa a quella di Piatek e dei tifosi rossoblù che giovedì, al Museum, gli hanno dato una grande dimostrazione d'amore. Ho detto solo ai miei ragazzi di continuare così perché anche il primo tempo mi aveva soddisfatto molto.

Pensioni, chi sceglie quota 100 perde un quinto dell’assegno
E' prevedibile, infatti, che dopo l'approvazione della legge, all'Inps serva qualche settimana per la circolare applicativa. Modifica a cui saranno destinati per il 2019 6,7 miliardi, con un totale che nel triennio arriverà a 20 miliardi.

Conoscendo Allegri la squadra si presenterà all'Old Trafford contro il Manchester United di Mourinho per partita di Champions League con un altro spirito e soprattutto con un'altra concentrazione. C'è stato possesso palla, ma non eravamo padroni della partita. E' una gara diversa, giocheremo entrambe per vincere. Juventus comunque sempre nettamente prima a quota 25 punti, mentre il Genoa sale a 13 (con una partita da recuperare, contro il Milan), a meno tre dall'Inter (a 16, in attesa proprio di Inter-Milan di domani sera). Il tecnico ha poi concluso dicendo di non aver alzato la voce in spogliatoio: "Non serve". Bisogna capire che le partite si possono condurre in modo più attento.

Share