Lecce, emorragia cerebrale per Lele Spedicato: il chitarrista dei Negramaro torna cosciente

Share

Al momento la band non ha ancora comunicato decisioni ufficiali rispetto al tour nei palazzetti che dovrebbe partire il 15 novembre: i biglietti per Amore Che Torni Tour Indoor 2018 sono ancora in prevendita, anche se non è chiaro cosa accadrà al calendario dei concerti dopo l'incidente di Spedicato.

Dopo il gravissimo malore, l'intervento d'urgenza e il coma farmacologico, a distanza di tre settimane Lele Spedicato non è più in coma.

Sarebbero in miglioramento le condizioni di salute di Emanuele "Lele" Spedicato, il chitarrista dei Negramaro colpito lo scorso 17 settembre da un'emorragia cerebrale. "In questi giorni - sottolineano i medici - i sanitari del reparto di Rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce hanno monitorato costantemente i parametri vitali del paziente, risultati sempre buoni, e l'evoluzione del quadro clinico neurologico".

Salvini: "Digitate su Google Juncker sobrio e barcollante..."
Il titolare di via XX settembre e' rientrato a Roma in anticipo ieri sera e non ha preso parte oggi ai lavori dell'Ecofin. Vertice nel pomeriggio a Palazzo Chigi per discutere della nota di aggiornamento del Def in vista della Manovra.

Intanto in questi giorni non è mai mancato il supporto e il pensiero da parte dei fan e degli amici, che quotidianamente stanno invadendo i social per esprimere un pensiero per Lele., come avvenuto nei giorni scorsi con i tweet di Fiorello, Antonacci, Paola Turci e di Giuliano Sangiorgi che ha voluto mandare un messaggio all'amico citando proprio una loro canzone. Non smetteremo di incoraggiarti e di starti accanto fin quando non ti sarai ripreso la tua vita meravigliosa.

Il mondo della musica, dunque, si stringe intorno a Lele che sta combattendo la sua battaglia più grande. A chiamare i soccorsi era stata la moglie, Clio Evans, che aspetta un bambino dal chitarrista: lo ha trovato nei pressi della piscina privo di sensi, una volta sveglio avrebbe avvertito un forte mal di testa perdendo poi conoscenza.

Share