Manovra, bocciatura Ue a Borsa aperta: "37.000€ di debito per abitante"

Share

"Non cambia nulla, i signori della speculazione si rassegnino, indietro non si torna", la replica del vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Alla domanda se si può modificare la sostanza della manovra, criticata fortemente da Bruxelles, Conte ha risposto che questo "sarebbe per me difficile, non potrei accettarlo". "In passato il governo Berlusconi è caduto perchè è arretrato in seguito al rialzo dello spread, ma noi non arretreremo", conclude. L'appuntamento è stato fissato per illustrare i contenuti delle decisioni che saranno prese poco prima dall'esecutivo europeo nell'adottare i pareri sui progetti di bilancio dell'Italia e degli altri Paesi a cui la scorsa settimana Bruxelles ha chiesto chiarimenti. Il progetto del ministro dell'economia, che secondo alcune indiscrezioni stampa aveva spinto affinché il target sul deficit-Pil previsto per il 2019 e inciso nella nota di aggiornamento al Def scendesse almeno al 2,1%, era già miseramente fallito.

Il parere adottato oggi sulla manovra economica italiana non è una sorpresa per nessuno: era chiaro che si era davanti a una situazione inedita, ha spiegato invece Moscovici. Quanto al confronto con Bruxelles, Conte ha affermato di "non veder l'ora di incontrare i commissari europei, di sedermi a un tavolo per spiegare nei dettagli" la Legge di bilancio ma "non posso accettare" richieste di cambiamenti sostanziali, è il concetto espresso dal capo del Governo.

"L'unico organismo che potrà migliorare la manovra è il parlamento italiano, non togliamo un solo centesimo dalle tasche degli italiani".

F1 | Ferrari, Raikkonen celebra il successo di Austin: "Abbiamo vinto tutti insieme!"
L'altra Red Bull di Max Verstappen scatterà nella pancia del gruppo, a causa di un danno rimediato dall'olandese nella Q1. Il britannico cerca di chiudere, ma Kimi tira la staccata e si infila in testa nella prima curva.

Di Maio: siamo su strada giusta, non ci fermeremo "Sappiamo di essere l'ultimo argine per la salvaguardia dei diritti sociali degli italiani". "Avremo delle settimane di forte interlocuzione con la Commissione europea ma sono sicuro che sia i mercati sia l'Unione europea apprezzeranno che il governo creda in quello che fa", ha spiegato Di Maio. Sappiamo che, se dovessimo arrenderci, farebbero velocemente ritorno gli "esperti" pro banche e pro austerity.

Ad ogni modo, ha chiarito il premier, "non siamo giocatori d'azzardo che stanno scommettendo il futuro dei propri figli alla roulette". E quindi non ci arrenderemo. "Trenta miliardi di flessibilità sono stati concessi all'Italia tra il 2015 e il 2018: la Commissione non è un ostacolo, ma un volano e un alleato della crescita dell'Italia".

Il collegio dei commissari ha deciso di procedere a questo passo che non ha precedenti nelle procedure previste dal Patto di stabilità e di crescita, ma al tempo stesso l'Ue mantiene il proposito di portare avanti un "dialogo costruttivo con l'Italia". "Non mi sembra ci siano dinamiche dell'uno contro l'altro, ma dinamiche di spiegazione degli interessi italiani e dell'Europa" ha dichiarato il presidente della Camera Roberto Fico a chi gli chiedeva, al termine di un convegno a Montecitorio, se fosse preoccupato della bocciatura della manovra da parte dell'Europa.

Share