Manovra, Salvini e Di Maio attaccano Juncker

Share

Il leader pentastellato ha poi tuonato anche contro lo stesso Juncker: "I Commissari Ue e il presidente della Commissione hanno fatto dichiarazioni per creare tensioni e i mercati sono sensibili alle dichiarazioni dei commissari Ue". "Non vorrei che dopo aver superato la crisi greca ricadessimo nella stessa crisi con l'Italia", ha detto ancora. Oggi, ai microfoni di Mattino 5, ha provato a rincarare la dose, fornendo un ritratto di Juncker agli italiani che non lo conoscevano. Bisogna essere molto rigidi. Lo spread sale invece di nuovo a 282 punti. Noi abbiamo sempre detto che avremmo fatto una manovra coraggiosa, le minacce non mi sfiorano, è chiaro che noi puntiamo al fatto che negli anni futuri il debito e il deficit scenderanno.

Poi a metà settembre, giorno 12 fu Juncker a svelare di aver chiamato il premier italiano Conte per lamentasi di Salvini.

Due casi di colera a Napoli: contagiati mamma e figlio
Immediatamente è stata allertata la Asl competente e sono state attivate tutte le procedure previste dai protocolli". Nell'ospedale Cotugno a Napoli sono stati registrati due casi di colera .

Sale altissimo lo scontro fra l'Italia e l'Unione Europea, ed in particolare fra il ministro dell'interno, Matteo Salvini, e il presidente della commissione europea, Jean-Claude Juncker. I BTp hanno dunque invertito rotta, rispetto all'avvio di giornata, e sono tornati sui livelli della chiusura di ieri come reazione alle parole del vicepremier, Luigi Di Maio: "Stiamo investendo sul sorriso degli italiani", dice a Montecitorio: "Investiamo sulla felicità dei cittadini, sulla voglia di spendere e sulla voglia di vivere con una qualità della vita migliore", ha aggiunto, sottolineando che "se torna il sorriso, l'economia si rimette in moto". Ma secondo Giovanni Tria, ministro dell'Economia italiano non c'è alcun pericolo e quella di Juncker è solo un'opinione personale.

Salvini vs Junker "Chiederò i danni a chi vuole il male dell'Italia". Sono le parole del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, a margine del suo intervento all'International Economic Forum of the Americas presso la sede Ocse di Parigi. "Basta minacce e insulti dall'Europa, l'Italia è un paese sovrano". Un passaggio che, nonostante la precisazione del portavoce della Commissione, che ha parlato di un "malinteso nella traduzione", ha scatenato le reazioni della maggioranza di governo italiana, Salvini in testa.

Share