Migranti, Salvini: "Dalla Francia non accettiamo scuse"

Share

"Abbandonare degli immigrati in un bosco italiano non può essere considerato un errore o un incidente". Matteo Salvini rispedisce al mittente il messaggio di scuse ufficiali arrivate da Parigi dopo il caso dei migranti scaricati con un furgone della gendarmerie a Claviere, dentro ai confini italiani e filmato dalla digos di Torino.

"Quanto successo a Claviere - ha attaccato il ministro dell'Interno - è un'offesa senza precedenti nei confronti del nostro Paese, e mi chiedo se gli organismi internazionali - a partire dall'Onu fino all'Europa - non trovino 'vomitevole' lasciare delle persone in una zona isolata, senza assistenza e senza segnalazioni". E al momento sono in corso alcune indagini. E ancora: per la civile Parigi è normale scaricare delle persone nei boschi? Le stesse fonti fanno sapere che il mezzo, di cui è stata annotata la targa, è poi tornato oltreconfine. Andremo fino in fondo - sottolinea Salvini - Siamo di fronte a una vergogna internazionale, e il signor Macron non può far finta di nulla. "Non accettiamo le scuse", conclude. I magistrati hanno ricevuto dalla Digos un'informativa. "Da quando sono al governo", ha ricordato, "Macron, i suoi e il suo partito non hanno smesso di attaccarmi, di dire che sono 'egoista', che faccio 'vomitare'".

Tempesta di neve travolge alpinisti in Nepal : 9 morti
Sempre in Nepal , sul monte Everest, a maggio persero la vita altre due persone, tra cui il campione giapponese Nobukazu Kuriki. Il corpo del nono disperso, dato ormai per morto, non è stato ancora localizzato.

Poco dopo la Farnesina ha reso noto di aver chiesto chiarimenti alla Francia riguardo il "possibile ingresso" di un furgone della Gendarmeria francese a Clavière. Sono entrati senza volerlo in Italia. Dallo scorso inverno i migranti tentano la rotta che attraversa le Alpi, più a nord, spesso a rischio della vita. La zona di Claviere dove i presunti migranti sono stati visti scendere da un furgone della gendarmeria francese è monitorata perché occupata da alcuni estremisti di sinistra e anarchici legati al sodalizio 'Briser Les Frontieres', dove c'è stato uno sgombero lo scorso 10 ottobre. Ora è stato allontanato anche il presidio davanti alla chiesa con lo slogan "la solidarietà non si sgombera". "Scaricano gli immigrati in Italia?" Secondo Salvini poi, "se qualcuno pensa davvero di scarsi come il campo profughi d'Europa, violando leggi, confini, accordi, si sbaglia di grosso". Siamo pronti a difendere l'onore e la dignità del nostro Paese in ogni sede e a tutti i livelli. "Non voglio credere che la Francia di Macron faccia così", e invita infatti il collega Moavero Milanesi "a chiedere chiarimenti all'ambasciatorie".

Share