Olimpiadi 2026: Appendino scatenata sui social per difendere Torino

Share

La sindaca di Torino è sempre convinta che il capoluogo piemontese possa concorrere per l'organizzazione dei Giochi Olimpici Invernali del 2026 e spiega le prossime mosse a Radio anch'io, su Rai Radio Uno. Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la riunione della Giunta. "Chi si assume le responsabilità di questa scelta dovrà fornire opportune spiegazioni al Paese, noi certamente ne chiederemo conto, visto che il Cio stesso invitava in modo esplicito a riutilizzare l'eredità post olimpica".

"La candidatura di Milano e Cortina è per noi incomprensibile - ha affermato duramente la Appendino - perché si andrà a edificare in una zona dove non ci sono gli impianti". Se esiste Milano-Cortina, cosa che non c'è perché non esiste un dossier, esiste anche Torino. "Siamo ovviamente felicissimi - ha aggiunto - di questa scelta".

Il segretario torinese e consigliere comunale del Partito Democratico Mimmo Carretta individua nella sindaca la vera responsabile dell'accaduto, deve smettere di fuggire e riferire al consiglio comunale: "L'unica responsabile del disastro olimpico è Chiara Appendino e oggi fa ancora più male ripercorrere le tappe di una dolorosa marcia funebre che ci ha portato fino a questo tragico epilogo. almeno la sindaca la smetta di fuggire e venga in Consiglio a riferire sulle strategie che intende mettere in campo per risollevare le sorti di una città ferita al cuore". Sono convinto che questa candidatura italiana sarà vincente.

Di Maio attacca le opposizioni e la stampa
Dopo di che, se qualcosa non funzionerà, saremo pronti a intervenire anche prima della stesura definitiva della manovra e della sua approvazione.

"Credo che sia una fake news quella foto, perché Milano è molto ma molto, molto più bella" ha commentato Fontana a margine dei lavori del Consiglio regionale. Ma non poteva mancare, fronte Pd, un attacco al M5s, ormai eletto da tempo come primo 'nemico': "Le posizioni della sindaca di Torino - ha tuonato la senatrice Sbrollini - appaiono patetiche".

Chiara Appendino voleva sinceramente le Olimpiadi, ma la candidatura di Torino "è stata fortemente indebolita dalla sua maggioranza". Prima non ha voluto accettare la scommessa e ora si lamenta e rivendica un primato che non ha mai avuto. "Quando si fa così io sono un pò scettico". "Anche Chiamparino farebbe meglio a tacere, dal momento che l'impegno promesso per rimettere in gioco Sestriere e le valli si è rivelato ancora una volta una boutade elettorale".

Share