Pesante attacco di Briatore a Vettel e alla Ferrari

Share

"La Ferrari nelle ultime 3-4 gare ha compiuto errori di strategia che è difficile da comprendere, ci sono campionati che vinci, gestendoli".

Tutti lo attaccano, ma Jean Alesi non se la sente di gettare la croce addosso a Sebastian Vettel.

Ultimamente non si fa altro che parlare di Ferrari e del titolo iridato che ha quasi consegnato ad una Mercedes praticamente sempre concentrata sulla lotta e mai fuori forma. O meglio: sono peggiorate di Gran Premio in Gran Premio. I fan di ferrari ed in particolare quelli che simpatizzano per Fernando Alonso hanno pensato di lanciare una petizione online per il ritorno del pilota fin dal prossimo anno. Iniziò poi la lenta ma inesorabile rimonta di Vettel, che attuò il sorpasso con un poker di vittorie asiatiche, a Singapore, in Giappone, in Corea del Sud e in India, e mantenne un vantaggio di tre punti su Alonso al termine del campionato, dopo un rocambolesco GP del Brasile, che lo vide costretto a rimonta dall'ultima posizione dopo un contatto in partenza, e terminare sesto. Nella piovosa Shanghai si impantanò all'entrata della corsia dei box, ritirandosi, mentre nell'appuntamento di Interlagos commise un paio di errori: al via, dalla seconda casella, si fece bruciare da Raikkonen e Alonso, con Massa che lasciò presto strada al suo compagno in Ferrari.

Donald Trump, ennesimo attacco alla Fed
Donald Trump si scaglia contro la Federal Reserve e sbotta davanti ai giornalisti: "la Fed è impazzita , sta commettendo errori". Solitamente, però, i presidenti americani non fanno commenti su come opera la banca centrale.

A sbagliare in queste settimane non è però stato solo Vettel. Il suo incidente a Monza non ha avuto molto senso.

L'ultimo a puntargli il dito contro, in Italia, è stato Giancarlo Minardi, il patron della scuderia faentina trasformatasi in Toro Rosso, primo step della carriera in F1 di Sebastian Vettel: l'aver "regalato" ancora una volta il Mondiale a Lewis Hamilton è ormai un ritornello trito e ritrito tra gli addetti del settore. Ma se il campione di Heppenheim non vive da separato in casa, di sicuro sente la pressione della stampa e degli addetti ai lavori. In questo momento credo che sia la Ferrari la macchina più veloce, non la Mercedes. Anche lo stesso Turrini ha ammesso che Vettel è stato autore di un grande numero di errori quest'anno, al contrario di Hamilton ( da lui definito "Re Nero") che è stato pressoché perfetto.

"Non potete semplicemente immaginare quanto sia difficile fare quello che facciamo, al nostro livello e per qualsiasi atleta al top della propria categoria".

Share