Reddito di cittadinanza, non servirà fare domanda

Share

Il sussidio non dovrà infatti essere richiesto dai cittadini ma sarà lo Stato a individuare chi ne ha diritto. "Non sarà il cittadino - ha dichiarato - che dovrà vagare chiedendo: 'scusi ma io ho diritto al reddito?'".

La preoccupazione rispetto alle attese dei piemontesi sul reddito di cittadinanza e sulla possibilità reale che la rete dei centri per l'impiego possa distribuirlo sono state espresse oggi dall'assessore al lavoro Gianna Pentenero, a margine della presentazione di Io Lavoro, la job fair che si svolgerà al Lingotto mercoledì e giovedi, con oltre 5500 posti di lavoro offerti nei settori ict, automotive, food, turismo, commercio, servizi e sanità. E' una rivoluzione culturale " perché non bisognerà più "andare a chiedere allo Stato: fammi la cortesia". Per troppo tempo questo non è successo. Aiutateci a fare in modo che non ci sia più paura verso il reddito di cittadinanza. È un nuovo paradigma: "lo Stato ti prende per mano, ti accompagna e ti ridà dignità e la dignità ti permette di rimetterti in piedi, di formarti e anche domani di fare un lavoro che non avresti mai immaginato di fare".

Perché Moody's ha declassato l'Italia a un solo passo dal "livello spazzatura"
Nella nota si parla di " mancanza di una coerente agenda di riforme per la crescita ", e questo "implica" il prosieguo di una " crescita debole nel medio termine".

Dei fondi previsti, 10 miliardi, uno sarà destinato alla riforma dei centri per l'impiego. Ad affermarlo è il vice-ministro all'Economia, Laura Castelli parlando dal palco della manifestazione M5s insieme a Nunzia Catalfo, che presiede la commissione Lavoro del Senato. "C'è ancora molto lavoro da fare ma il reddito - ha affermato Castelli dal palco - è una delle più grandi occasioni che questo Paese ha".

Importanti novità sul fronte del reddito di cittadinanza direttamente dal Foro Italico di Roma dove si è tenuta l'ultima edizione di Italia a 5 stelle. "Allontaniamo la paura", ha concluso.

Share