Reddito di cittadinanza, spunta limite a 18 mesi

Share

La durata del sussidio per chi si trova in situazione di povertà assoluta, non sarà più di tre anni come inizialmente previsto, ma poterebbe scendere fino a 18 mesi, un anno e mezzo. Quello che voglio dire è che il reddito di cittadinanza non si può spendere al gioco d'azzardo, alle video lottery o al poker online perché non è giusto. E, ospite di Mattino 5, anche il sottosegretario Stefano Buffagni ribadisce lo stesso concetto commentando: "Ho qui la tabella". Peraltro - sempre secondo quanto ci è dato sapere - questi cittadini sarebbero inseriti in percorsi di presa in carico, in corsi di formazione; non si comprende quindi con quale ratio se questi cittiadini frequentano regolarmente le attività predisposte dai Centri per l'Impiego poi dovrebbero essere "puniti" determinando a priori come debbano spendere i loro quattrini? In fila ci sono anche i rom che, tra coloro che hanno minimo 10 anni di residenza in Italia, sono almeno 500 persone nella sola Torino.

Per questo per ottenere l'accesso al reddito bisognerà presentare l'Isee, l'indicatore sintetico della situazione economica familiare che tiene conto anche del patrimonio immobiliare e dei depositi bancari, oltre che del reddito. Con buona pace di chi spiegava che il RdC era un investimento ad alto moltiplicatore si scopre così che potrà essere speso solo su prodotti con un basso valore aggiunto. "Se la matematica non è un'opinione, se ce ne sono 7-8 per la Fornero e 8 per il reddito". Il responsabile del centro ha spiegato che non essendoci ancora nulla di concreto sull'argomento è tutto ancora in stand-by: "Sicuramente il Reddito di cittadinanza è una misura che interessa molto la gente e, una volta che sarà approvata e riceveremo le indicazioni, ci muoveremo di conseguenza" ha spiegato Patrizia Zoppolato, dirigente del centro, al quotidiano Libero. Sappiamo però che verranno messi diversi paletti a partire dall'ISEE e dalla casa di proprietà fino ai luoghi dove quei soldi potranno essere spesi per acquistare cibo, vestiti, libri scolastici e (pare) per pagare l'affitto e le bollette.

Flat tax: Tria annuncia le novità in attesa del decreto fiscale definitivo
Abbiamo un dejà-vu che riguarda il Def e, di conseguenza, la manovra . Una posizione ancor più scomoda di quella assunta nei giorni scorsi.

Saranno interessate da una " pace fiscale " tutte le cartelle esattoriali fino a 100mila euro. Le somme non spese a fine mese, infatti, torneranno allo Stato.

Con la complicità del negoziante amico poi sarà magari possibile far figurare di aver acquistato un certo prodotto invece che un altro (anche se questo magari creerà problemi nella gestione del magazzino) magari proprio di quelli "immorali".

Share