Salvini, Juncker-Moscovici nemici Ue

Share

"Siamo contro i nemici dell'Europa che sono Juncker e Moscovici, chiusi nel bunker di Bruxelles". Disse allora Marine, la leader del Front National che ora si chiama Rassemblement: "È venuto Salvini e mi ha chiesto di fare un selfie con lui". "Che tristezza, spero non abbiano fatto un selfie svestiti come usa fare di recente il presidente francese".

Chi è più forte tra Marine Le Pen e Matteo Salvini? Aprendo l'incontro organizzato dalla Ugl con i due leader sovranisti, il segretario Paolo Capone ha introdotto "L'Ugl è orgogliosa di ospitare un confronto così importante volto a porre le basi per un'Europa più giusta: solo in Italia ci sono cinque milioni di poveri assoluti a cui dobbiamo ridare la speranza di credere in una vita migliore".

Infine Matteo Salvini non risparmia una battuta a chi gli chiedeva di commentare l'incontro tra Macron e Saviano: "Chi si somiglia si piglia".

Arrivabene è furioso: "Inaccettabile fare errori del genere"
Vettel e Raikkonen sono andati in Q3 con le intermedie quando c'era ancora la pista asciutta . La Ferrari ha appena vissuta una delle sue qualifiche peggiori dell'anno a Suzuka ( report ).

Salvini e Le Pen spiegano che i loro partiti non presenteranno liste comuni alle elezioni, insieme alle altre formazioni che fanno parte del gruppo Enf (l'olandese Partito per la Libertà di Geert Wilders, del Partito della libertà austriaco, del polacco Congresso della nuova destra del belga Interesse fiammingo). Salvini in particolare ha a cuore il dossier e sta facendo una serie di approfondimenti per intensificare i rapporti con i Paesi africani non solo per risolvere il problema dei flussi ma anche dal punto di vista economica e sociale, si precisa.

Anzitutto, nessun accenno da parte di entrambi ad ipotesi di fuoruscita dall'Unione Europea o dall'euro, come qualcuno forse si sarebbe atteso ma, al contrario, una proposta per un'Europa sicuramente alternativa a quella attuale, utilizzando gli strumenti a disposizione per occupare lo spazio decisionale a Bruxelles. Con la leader di Rassemblement National francese, aggiunge Salvini, "condividiamo la stessa idea dell'Europa, dell'agricoltura, del lavoro, della lotta all'immigrazione". Ora siamo in un momento storico. "È una lotta che portiamo avanti con Matteo Salvini convinti della necessità di un'alternanza in Europa". A dargli manforte è la stessa Marine che con toni pacati affonda duri colpi al board della Commissione Ue, "L'Ue non è stata costruita per il bene dei popoli ma per rafforzare il potere di una piccola classe mondiale che genera moltissimo denaro. Io e Le Pen stiamo raccogliendo l'eredità sociale della sinistra che ha tradito i suoi valori, difendiamo i precari che la sinistra ha dimenticato". Non piacerà, ma nei fatti - almeno ad oggi - sembra proprio questo il "titolo" per i prossimi mesi.

Share