Sanzioni alla Russia, Salvini: "Un'assurdità, mercoledì sarò a Mosca"

Share

Da parte di Salvini, gli imprenditori italiani si aspettano di "sentire quale visione hanno lui personalmente e il governo italiano" sui rapporti con Mosca.

"Mercoledì torno per l'ennesima volta in Russia perché è in corso a livello europeo il dibattito se rinnovare a tempo indefinito le sanzioni economiche contro la Russia che ritenevo, e ritengo, un'assurdità sociale, culturale ed economica". Parlando degli effetti dei provvedimenti restrittivi di Bruxelles ai danni dell'export italiano verso la Russia, il leader della Lega spiega: "Ci stanno precludendo un mercato, non vado lì perché mi pagano in rubli, come scrive qualcuno, ma perché ne sono assolutamente convinto". La visita si colloca, secondo un calendario inusuale, subito dopo il viaggio del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, che a Mosca ha passato un intero week end, oltre al lunedì dei colloqui con l'omologo Sergey Lavrov e il ministro dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, Denis Manturov. "Abbiamo bisogno che il governo ascolti la nostra voce, comprenda come le imprese stanno soffrendo e fornisca sostegno, attraverso canali politici", ha tenuto a sottolineare il presidente di Confindustria Russia, Ernesto Ferlenghi, alla vigilia dell'incontro con Salvini, snocciolando i dati.

Giornata strana per gli equilibri diplomatici italiani e per le politiche sanzionatorie europee nei confronti della Russia. "Grazie alle sanzioni Francia e Germania stanno aumentando quote di mercato, quindi per superare le sanzioni ci sono come alleati i paesi mediterranei". E' prevista la presenza anche di rappresentanti del ministero degli Esteri e del mondo imprenditoriale russo. "E' diventato sempre più difficile - ha spiegato Ferlenghi - perché vengono poste molte domande, a chi e cosa vendete, il cliente è o no nella lista dei sanzionati".

Genoa, Perinetti: "Piatek via a gennaio? Non se ne parla nemmeno"
Quotazione tra i 40 e i 60 milioni? "Il prezzo lo faranno la consistenza delle varie offerte e la concorrenza". Diciamo che la sua qualità migliore non è un colpo: lo smarcamento. "Dirigenti tedeschi e spagnoli a Marassi".

Da Mosca giunge un "apprezzamento" per il lavoro dell'Italia per la normalizzazione dei rapporti.

Roma. Oggi (17 ottobre ndr) il ministro dell'Interno Matteo Salvini sarà in Russia per partecipare a un'assemblea di Confindustria Russia.

Share