Vettel: "Parlerò con Verstappen in privato. Futuro? Non lascerò la Ferrari"

Share

"L'incidente di Vettel a Monza non ha senso, onestamente". Anche lui, ultimo campione del mondo con la Rossa nel 2007 e ultimo a festeggiare in Ferrari il titolo costruttori nel 2008, è chiamato al riscatto nelle ultime quattro gare, per salutare Maranello con onore.

A due giri dal termine del Gp del Giappone, Lewis Hamilton, leader incontrastato della gara, apre il gas e fa il giro record per velocità. Se vai fuori ne hai zero.

"Vettel non sta vincendo il Mondiale, sta solo vincendo delle gare". La storia delle gare corse quest'anno ha bocciato la visione del pilota tedesco, sottoposto a una pressione enorme com'è logico che sia.

Anticipazioni Uomini e Donne: Luigi insiste con Giulia, Lorenzo irritato
In tanti sostengono che io abbia perso la dignità, ma vi dico che per AMORE sono scoppiate guerre. Qualche ora fa sui social è arrivato anche lo sfogo conclusivo di Nicola Panico .

I media britannici, ovviamente maggiormente orientati verso Lewis Hamilton rispetto ai nostri, hanno effettivamente calcato la mano in maniera pesante dopo il quarto posto di Vettel a Suzuka, un risultato che ha aperto un gap virtualmente incolmabile con la vetta della classifica tenuta dal pilota della Mercedes. L'esatto contrario ha fatto Vettel, noi possiamo inveire contro il muretto e contro Arrivabene quanto vogliamo ma dalla metà del 2017 ad oggi gli errori più gravi non sono stati quelli del muretto ma quelli del pilota che si è dimostrato fragile, emotivo, dai nervi poco saldi ed in qualche occasione anche poco lucido in alcune scelte.

Anche grandi piloti del passato hanno scagionato Vettel dai suoi "errori umani". "È una battaglia psicologica, una vera e propria una guerra da dover gestire". Se il driver non tranquillizza la squadra salendo in una delle vetture migliori della griglia e dicendo: " Ok ragazzi voi avete fatto il vostro ora ci penso io..." ma si perde nell'emotività di un peso così forte (ma poi che peso? mica deve salvare il mondo dall'invasione aliena) e difficile da sostenere, il team stesso non sarà tranquillo perché tutta questa tensione verrà trasmessa agli altri.

Ecco le parole di Flavio Briatore: "Vettel finirà secondo e sta sempre in una linea sottile tra l'essere il vincitore e il primo dei perdenti".

Share