Allegri: "Juve rispetti Inter e Napoli"

Share

Non possiamo permetterci di lasciare punti per strada perché Inter e Napoli ci sono dietro, il campionato è lungo, ci sono tanti punti a disposizione e non possiamo sbagliare.

Ronaldo è imprescindibile per la Juventus? Motivazioni, dinamismo, concentrazione possono fare la differenza e sarà così anche per i sardi che hanno dalla loro due fattori: sono la squadra che corre di più in Italia, sono forti sulle palle inattive grazie alla capacità di Pavoletti di essere letale di testa.

Il tecnico ipotizza quindi la formazione anti-Cagliari: "Matuidi e Pjanic giocano, devo decidere il terzo a centrocampo". Adesso ci sono delle divisioni sui calci piazzati. Khedira e Mandzukic sono di nuovo in gruppo. Cristiano è intelligente e sa che Pjanic e Dybala calciano bene. Bisogna porsi degli obiettivi, innanzitutto bisogna non prendere gol.

Milan, Gattuso su Biglia: "Ha un problema al polpaccio, sarà lunga"
La partita di ieri però ha lasciato qualche strascico per quanto riguarda gli infortuni. "Si dice il peccato e non il peccatore". Non abbiamo fatto ancora nulla, abbiamo aggiustato la classifica, ora dobbiamo giocare maggiormente da squadra.

Poi, sulla Champions, Allegri dimostra di avere le idee chiare: "Mi sento l'allenatore di una squadra che può vincere la Champions, ma non è scontato che si vinca. Inter e Napoli perdono pochi punti, non dobbiamo pensare a quanto fatto, ma guardare avanti". Il campionato è diverso dalla Champions, serve più concentrazione e attenzione. Ci vuole un po' più di precisione. Quest'anno, la candidata a vincere la Champions è il Barcellona. Perché? Perchè basta vedere le partite e non guardarle. "Noi siamo tra le prime quattro candidate, ci vuole calma".

Bernardeschi è tornato dalla Nazionale con un problema muscolare. Infine una previsione sulla favorita in Champions, stimolata un po' dal vaticinio dello scorso anno - "dissi che avrebbe vinto il Real quando era a 20 punti dal Barcellona" -, ma anche dalla necessità di scaricare la pressione dalle spalle dei suoi giocatori: "La favorita è il Barcellona". "Le partite del PSG le vedo in Champions, ha qualità, e il passaggio del turno dipende dalla partita di martedì". Ora è del Manchester e purtroppo mercoledì lo dobbiamo incontrare, se stesse a casa sarebbe meglio. Cosa devo rispondere? È un grandissmio giocatore che ha ancora moltissimi margini di miglioramento, ha una carriera davanti e ha da raggiungere il massimo della maturazione. Per noi Cristiano Ronaldo è un valore aggiunto: ha portato esperienza a livello internazionale ed ha aumentato la consapevolezza in tutti i compagniHa fatto una grande partita, ha sbagliato solo contro il Parma contro cui è stata sfortunata. I tifosi devono farla ai nostri non agli altri.

Share