Brexit: la Spagna punta i piedi per Gibilterra

Share

"Fino a quando non sapremo cosa dice la dichiarazione politica sulla relazione futura, non possiamo dare il nostro ok al pacchetto, incluso l'accordo sul ritiro, perché le due cose vanno assieme". Dalla fine della Seconda guerra mondiale è stata di nuovo reclamata dagli spagnoli ma un referendum popolare, il 10 settembre 1967, ha sancito la volontà degli abitanti di appartenere al Regno Unito piuttosto che alla Spagna.

Sulla Brexit i dossier relativi "a Gibilterra e alla pesca devono ancora essere risolti", ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas.

Mel B parla della reunion delle Spice Girls e del tentato suicidio
In un attimo di lucidità è riuscita ad andare in ospedale e a salvarsi. "Mi vergognavo di quello che stavo facendo, ma sentivo che dovevo averlo".

"La sovranità di Gibilterra dev'essere tutelata".
"La questione di Gibilterra è fondamentale per la Spagna". "Bene. Lo è anche per noi", è tornato a puntare i piedi il ministro degli Esteri spagnolo Josep Borrell, dopo che ieri aveva sollevato la questione della Rocca al termine della riunione Affari generali sulla Brexit, proprio mentre il capo negoziatore della Ue Michel Barnier, in conferenza stampa, annunciava che tutti i 27 Stati membri avevano dato luce verde al testo di accordo sul divorzio.

"L'Unione e il Regno Unito sono determinati a lavorare insieme per salvaguardare l'ordine internazionale fondato sulle regole, lo stato di diritto e la promozione della democrazia, e standard elevati sul commercio libero e equo, i diritti dei lavoratori, la protezione dei consumatori e dell'ambiente, e la cooperazione contro le minacce interne e esterne ai loro valori e interessi", si legge nel documento.
Oggi invece è atteso a Londra Sebastian Kurz, cancelliere austriaco e presidente di turno dell'Ue, considerato fra i leader più impegnati a tendere la mano al governo conservatore britannico. La partnership economica dovrebbe assicurare che non ci siano tariffe o restrizioni quantitative in tutti i settori, con accordi doganali ambiziosi.

Share