California: incendi causano almeno 56 vittime e 130 dispersi

Share

Si aggrava sempre di più il bollettino dei morti derivanti dagli incendi in California.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si recherà sabato in California per visitare le zone devastate dagli incendi e incontrare le popolazioni colpite dalla forza distruttrice delle fiamme. Lo sceriffo ha spiegato che il numero dei dispersi è aumentato di tanto - nel precedente bilancio si parlava di un centinaio di persone - perché gli investigatori sono riusciti a incrociare le informazioni in loro possesso incluse le telefonate d'emergenza fatte il giorno in cui è scoppiato il Camp Fire. Ai morti, ai feriti e ai dispersi, si aggiungono gli sfollati, che sarebbero ormai più di 300.000, un numero ingente. Le fiamme, iniziate a propagarsi dallo scorso 8 novembre, hanno devastato circa 600 chilometri quadrati e distrutto più di 10000 abitazioni. L'incendio, come fanno sapere i vigili del fuoco, è ancora in corso e al momento sarebbe domato solamente al 55%. Alla domanda se pensa che i cambiamenti climatici siano una delle cause di quello che è successo il presidente ha risposto che "ci sono molti fattori" e che l'incendio non ha cambiato la sua opinione sul climate change.

La Radwanska annuncia il ritiro a soli 29 anni
E' un annuncio che la stessa tennista polacca, 29 anni, ha fatto utilizzando il suo profilo Facebook. " Dopo 13 anni di tennis ad alto livello, ho deciso di concludere la mia carriera".

A causa della bassa qualità dell'aria sono state chiuse le scuole di San Francisco, dove tra l'altro è stata fermata anche la popolare funivia, Sacramento e Oakland. Ma le autorità hanno precisato che la lista potrebbe contenere nomi duplicati o di persone che sono sane e salve all'insaputa di chi le sta cercando.

Share