Cosa si sono detti Luigi Di Maio e Mario Calabresi a DiMartedì

Share

"Lei signor Di Maio", aveva proseguito la deputata del Pd, "è sotto i riflettori per delle storie davvero brutte: lavoro nero, incidenti sul lavoro, sanatorie e condoni edilizi".

"Mio padre - dice Boschi - è stato tirato dentro ad una vicenda più grande di lui per il cognome che porta e trascinato nel fango dalla campagna creata da suo figli e dagli amici di suo figlio".

"Guardi, se lei vuole, le mostro centinaia di articoli che raccontano come voi date le notizie in maniera approssimativa", risponde il ministro M5s. "A me - conclude - dei padri non me ne può fregare di meno". Rivedo la sua vita distrutta dalla campagna d'odio dei 5 stelle e della Lega. "... Renzi e la Boschi hanno la faccia come il culo per quello che sono riusciti a dire ieri".

Spunta tassa unica sulla casa al posto di Imu e Tasi
Un emendamento al disegno di legge di bilancio prevede l'unificazione di IMU e TASI , con la costruzione di un'imposta unica. Imu e Tasi potrebbero finire dentro un'unica tassa avente aliquota massima dell'11,40 per mille.

"Mi ero ripromesso di non parlare più di Renzi e Boschi, di questi animali politici ormai estinti". Ma scusa de che? "E l'altra, la signorina Boschi..." "Le auguro signor Di Maio di poter dire lo stesso della sua".

"Qui la questione" ha concluso Gomez "non è quello che ha fatto il padre, eventualmente, che è stato in parte archiviato che ancora ha un'inchiesta aperta che magari sarà archiviata".

Di Battista poi cita un articolo del Corsera in cui si dice che suo padre lo imbarazzerebbe: "A me mio padre non mi ha mai imbarazzato, è sempre un grande esempio". Io continuo a fare politica solo per la mia nipotina, perchè possa sapere che la sua è una famiglia di persone perbene.

Share