Libretti di risparmio al portatore: obbligo estinzione il 31/12

Share

Dalla stessa data i libretti bancari o postali al portatore non possono più essere trasferiti da un portatore ad un altro.

Il libretto al portatore esiste dal 1876, quattordici anni dopo la nascita delle Poste (in origine si chiamavano Poste di Sardegna, da Regno di Sardegna). Come comunicato dal Ministero dell'Economia e delle finanze, entro il 31 dicembre tutti i libretti al portatore di risparmio postali e bancari dovranno essere chiusi, come da normative anti-riciclaggio.

Entro il 31 dicembre 2018 bisogna presentarsi agli sportelli della banca o di Poste italiane che hanno emesso il libretto e scegliere una delle tre seguenti modalità di estinzione: 1) chiedere la conversione del libretto al portatore in un libretto di risparmio nominativo; 2) trasferire l'importo complessivo del saldo del libretto su un conto corrente o su altro strumento di risparmio nominativo; 3) chiedere la liquidazione in contanti del saldo del libretto. Lo comunica il ministero dell'economia, sottolineando che l'obbligo di estinzione è previsto dall'articolo 49 del decreto legislativo 231 del 2007, che contiene misure di contrasto al riciclaggio.

F1, Vettel amaro: "Tanti errori, ma non avremmo comunque vinto noi"
Alla fine troppe corse non sono andate come dovevano. "Dobbiamo accettare di essere stati battuti". Spesso nella parte finale del campionato è mancata velocità.

Il Mef ha ricordato che già a decorrere dal 4 luglio 2017, con il recepimento nella normativa italiana della IV direttiva europea antiriciclaggio, banche e Poste italiane sono tenute a emettere esclusivamente libretti di deposito nominativi. Ecco perché chi possiede questi strumenti di risparmio, entro il 31 dicembre deve decidere cosa farne. Niente paura: banche e Poste saranno obbligate a versare ai proprietari quanto dovuto anche in seguito alla data X perché i libretti non si estinguono. Secondo l'ultimo dato disponibile sul bilancio della Cassa Depositi e Prestiti, che gestisce i fondi della raccolta postale, nel 2017 l'importo dei libretti al portatore era di circa 33 milioni di euro, in calo di 7 milioni dai 40 del 2016.

Dal canto loro, Banche e Poste provvederanno a dare la massima informazione e diffusione alle disposizioni in materia di estinzione dei libretti al portatore, "rammentando alla clientela l'importanza di prestare la massima attenzione al rispetto dei termini fissati dalla legge".

Share