Manovra, nuova lettera Commissione Ue sul debito: risposta entro il 13/11

Share

C'è un passaggio nella prima lettera dell'Ue che il Commissario Pierre Moscovici ha consegnato brevi manu al ministro dell'Economia Giovanni Tria che lascia aperta la porta a una possibile accelerazione.

Nella seconda lettera inviata ieri a Roma, Bruxelles ricorda poi "che l'Italia non ha compiuto progressi sufficienti verso il rispetto del parametro di riferimento relativo all'adeguamento del rapporto debito/PIL nel 2017".

Bruxelles - La Commissione Europea ha inviato una nuova lettera al governo italiano, in particolare al ministero dell'Economia, per chiedere "una relazione sui cosiddetti "fattori rilevanti" che possano giustificare un andamento del rapporto Debito/Pil con una riduzione meno marcata di quella richiesta". La risposta "dovrà essere trasmessa entro il prossimo 13 novembre". "Date le dimensioni dell'economia italiana, è anche una fonte di preoccupazione per l'area euro nel suo complesso".

Festa del cinema di Roma: il pubblico premia Il vizio della speranza
La vita si ostina a lottare contro la morte: l'arco del mondo si trasforma attraverso la nascita, la morte e la rinascita. Del 2011 è il suo primo lungometraggio da regista, Mozzarella Stories.

Il postino di Bruxelles stavolta ha suonato due volte.

Nella missiva, inoltre, la Commissione Ue ricorda che "l'ampia espansione di bilancio prevista per il 2019 è in netto contrasto con l'aggiustamento di bilancio raccomandato dal Consiglio". "Questa traiettoria di bilancio, unita ai rischi al ribasso per la crescita del Pil nominale sarà incompatibile con la necessità di ridurre in maniera risoluta il rapporto debito/PIL dell'Italia".

La Commissione Europea affila le armi e si prepara a usare il pugno duro nei confronti dell'Italia se la sua richiesta di riscrivere un nuovo Documento Programmatico di Bilancio, come il Governo Conte ha lasciato intendere, non verrà accolta. "Al fine di consentire alla Commissione europea di riflettere appieno nella sua relazione il contributo dell'Italia sui fattori significativi, gradirei ricevere la sua risposta entro il 13 novembre 2018 al più tardi", si legge alla fine.

Share