Midterm, Trump: "Onda blu? Un'increspatura"

Share

I democratici comunque assestano un colpo duro ai loro avversari con un distacco generale di nove punti che non si vedeva dalle elezioni del 2008, le prime vinte da Barack Obama sull'onda dell'entusiasmo popolare. Il 70enne presidente ha fatto campagna fino all'ultimo momento, "arringando" le folle ai comizi al grido di "Make America Great Again".

Come da previsioni infatti, nonostante il calo di consensi del presidente, i repubblicani mantengono il controllo sul Senato e anche se i democratici dopo otto anni riconquistano la Camera, l'onda blu è scampata.

La grande e fondamentale domanda che riguarda Trump, se lui sia un accidente storico oppure un rappresentante fedele della metà degli americani, ha trovato la sua risposta definitiva (per chi non l'avesse già capito da tempo). Trump è qui per restare e incarna alla perfezione il suo elettorato, lo ama e ne è ricambiato.

I primi seggi apriranno alle 6 (le 12 italiane) in vari stati della costa orientale americana. Al Senato ha parlato con il leader della maggioranza repubblicana Mitch McConnell e con il leader della minoranza, Chuck Schumer. E in vista delle elezioni del 2020, gli esponenti dell'Asinello in cerca di un leader dovranno smontare la prevedibile narrazione di Trump che non mancherà di ripetere il mantra del presidente-vittima con le mani legate da un Congresso che non lo fa lavorare come vorrebbe. I democratici hanno bisogno di almeno 51 voti per ottenere il controllo del Senato. Ma il Senato resta ai repubblicani che aumentano sensibilmente i loro seggi. Ai dem servono 23 seggi in più per riprendersi la maggioranza alla Camera dei rappresentanti, e gli occhi sono puntati soprattutto sulla carica delle donne che il partito è riuscito a mettere in campo nelle varie circoscrizioni elettorali, un numero senza precedenti.

Molto probabilmente, il ruolo del presidente Donald Trump sarà decisivo, in un modo o nell'altro: potrebbe permettere al partito repubblicano di confermarsi maggioranza o spingere tutti i suoi critici ad andare a votare, contro di lui; nelle ultime settimane, ha messo l'immigrazione irregolare al centro del dibattito politico, nella speranza di indebolire i democratici, accusati di essere responsabili delle carovane di migranti che arrivano dai Paesi dell'America centrale.

Paralizzato dopo aver mangiato una lumaca: muore a 28 anni
Nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo di lì a poco per quella che di fatto era una gogliardata. Otto anni fa Sam, scherzando con gli amici, accettò la sfida di mangiare una lumaca.

Dal 1934 ad oggi nelle Midterm solo due volte il partito del presidente ha guadagnato seggi in entrambi i rami del Congresso.

Al voto anche per 36 governatoriMa in queste elezioni di midterm si vota anche per rinnovare 36 dei 50 governatori: i Repubblicani devono difendere 26 Stati, contro i 9 dei Democratici; c'è poi un governatore indipendente, Bill Walker (Alaska), che potrebbe cedere il posto al candidato repubblicano. Se si dovesse arrivare a un Congresso diviso, le possibilità di approvare leggi di una certa importanza sarebbero vicine allo zero.

Sono state votazioni con un'affluenza record.

La diga repubblicana ha tenuto, anche al cospetto degli assalti tosti ma non decisivi in due importanti Stati come il Florida e il Texas dei perdenti di successo dem, il governatore afroamericano spinto da Obama, Gillum, e il deputato di El Paso Beto O'Rourke - ma il difficile verrà ora. Facebook ha bloccato 30 account della sua piattaforma e 85 su Instagram sospettati di essere in un piano di entità straniere per interferire sul voto.

Share